페이지 이미지
PDF

buoni, e conveniente forma, e cambiati nello fpazio di un mele, o più predo Ce è potàbile , da incominciare dal giorno ^rlla firma de' prefenti Articoli. In fede di che noi fottofcritti MinilVri Plenipotenziari di S. M. Crift imi (Ti ma , e di S M. Britannici in virtù delle noflre Plenipotenze refpettive abbiamo firmati i prcfenti Articoli Preliminari , e vi abbi mio fitto apporre il Sigillo Jelle noltre Armi.

G. De Vergennes . A. Fitzberbert. GRAN-BRETTAGNA Londra 18. Gennajo.

Finalmente è giunta la grand* epoca , che metterà fine alle dubbiofe, e lunghe incertezze , riguardo alle negoziazioni di pace , eftendofi pienamente fvilupparo 1* efito delle medellme • Il dì 15. del corrente la Corte fece pubblicare la. fottoferizione dei Preliminari di pace colla Francia , e la Spagna per mezzo del feguente Articolo.

San Giacomo af. Gennajo 178j. 11 f A Iovedì fera il Sig Ogg, uno \TT dei Corrieri di Gabinetto arrivò al Dipartimento di Lord Grantham principal Segretario di Stato di 5. M. per gli affari efieri con gli Articoli Preliminari di pace tra la Gran-Brettagna, la Francia, e la Spagna, i quali furono fottofcritti a Verfiglies il di zo. del corrente dal Sig. Fitzherbert Miniflro plenipotenziario di S. M., e dai Plenipetenziarj delle Corti di Francia , e di Spagna . Fino ad ora non fono (lati fottofcritti i Preliminarjcon gli Stati Generali delle Provincie Unire , ma lì è convenuto d' una ceffizioiie di oflilità tra la Gran-Brettagna, e quella Repubblica . „

Jeri il fuddette Lord Granfiami prefentò nella Camera dei Pari copia degli Articoli Preliminari conchiufi colla Francia , la Spagna , e 1* America . Unita. Fu rifoluto fenza alcun dibirtimento , che tali articoli fodero Campati . Così però non accadde nella Camera dei Comuni fotto gli occhi dei quali furono meffi dal Sig. Townshend Segretario d'i Stato per gli affari interni . Appena fatta la lettura degli articoli Lord Newhaven fece una propoft» tione , affinchè fodero ftampati Qi.indi vi furono delle difeufiioni fopra a

quello oggetto, poiché il fuddetto Segretario , ed il Cancelliere Pitt furono di parere, che non dove ino pubblicarli con la (lampa, a motivo delle altre Potenze , le quali defider avano, che foffero tenuti fegreri. I dibattimenti furono molto vivi, eflendo frati fatti dei rimproveri amari al Miniflero attuale, particolarmente dal Sig. Fox, il quale informò la Camera , che due Membri del Configlio fi erano dimefli( quelli fono il Vifconte Keppel primo Commiffario dell* Ammiragliato, e il Duca di Richmond Comandante .in capite dell' artiglieria). Infeguitoil Sig. Eden cenfurò anch' egli i Miniftn per aver lafciati in balia del Congreffb i Rcalifti Americani, ma gli fu fitto offervare , che la fua critica era inopportuna , poiché il contenuto degli articoli non formava ancora la materia delle deliberazioni. Finalmente il Sig. Town<.hend rettificando il fuo defiderio di veder trattare quello affare con perfetta unanimità cedè, e la propofizione pafsò fen/a ulteriore oppofi-ione, quale come offervò il famofo Aldermano Wilkes era molto inutile, poiché la ftampa degli articoli era fiata di già ordinata dalla Camera Alta.

Nei noflri pubblici fogli fono flati riportati anche gli Articoli Preliminari tra la Gran-Brettagna , la Spagna , e l'America Unita, dicui eccone l'eftratro. Articoli tra la Gran- Brettagna , e la Spagna .

I. Sarà conchiufa un'amicìzia perfetta tra la Gran Brettagna , e la Spagna; cederanno le oflilità, e faranno accordati dei reciproci pafTaporti per i fudditi fi dell' uno, che dell' altro paefe.

II. L' Ifola di Minorca nel Mediterraneo farà ceduta alla Spagna .

III. La Gran-Brettagna cederà alla Spagna la Florida Orientale , e la Spagna rimarrà al poilèflb della Florida Occidentale.

IV. I fudditi della Gran-Brettagna avranno il privilegio di tagliare il legno da tintura nella Baja d'-Honduras in un luogo , che gli farà deflinato , ed avranno ancora la libertà di erigervi delle capanne, o abitazioni per loro comodo fenza elici- jnoleflati .

V. La

V. £a Spagna renderà «Ila GranBrettagna le Ifole di Bahima, e della Provvidenza.

VI. Ciafcuna Corona farà il cambio vicendevole delle Piazze prefe durante la prefente guerra, e che non fono ftate fpecificate qui (òpra.

VII. Saranno fatte delle complete ricerche fopra la natura del commercio dell' uno, e 1' altro paefe.

Vili. L' epoca della reftiruzione delle Piazze è 1 ifteffa, che colla Francia di tre mefi per 1' Indie Occidentali. e Ji <r. meli per 1' Indie Orientali.

IX. I prigionieri di ambedue i paefi faranno rilafciati fenza fpcfa con pagare i giurti debiti, che avranno contratti durante la loro prigionia.

X. I regolamenti per la redituzione delle prede fono i medcfimi di quegli con la Francia.

XI. La proroga per la ratifica è d* un mefé come con la Francia . Firmati A. Fitzherbcrt d' Aranda

Articoli tra la Gran-Brettagna, e V Atnerica da effere coitebiufi, fvitto che farà convenuta una pace colla Francia.

I. La Gran-Brettagna riconofee pienamente ed ampiamente dal canto fuo 1' America, come flato libero , Sovrano, ed indipendente, e acconfente di trattar con erta come tale.

II. Quello articolo fiffa i limiti dell* America per mezzo d' una linea tirata attraverfo i laghi , e i fiumi, che la bagnano a Ponente dal Nord (ino al mezzo giorno, e dalla parte di mare tali limiti contengono tutte le Ifole, in diftanza di io. miglia dal continente .

III. L' America avrà piena libertà , e facoltà di pefeare fopra i Banchi di Terra-Nuova, e di S. Lorenzo ma non di preparare il pefee nei luoghi dell' Ifole-che faranno occupate. Le farà permeffo di farlo, depo che avrà convenuto con gli abitanti .

IV. I fudditi dei due paefi avranno piena facoltà di ricuperare tutti i giufti debiti dovuti vi degli uni, che degli altri.

V. Sarà raccomandato dal Congreffo agli Stati refpettivi di reftituire tutte le terre confifeate a coloro , che hanno prefe le armi a favore dell» GranBrettagna .

VI. Ir! avvenire no"> fi faranno o'ùi confifeazioni di terre , e tutee le pcifone che attualmente fono ritenute da una parte , e dall' altra, faranno rilafciate, e meffe in libertà.

VII. Vi farà una pace perpetua, e un' amicizia tra i due paefi. La GranBrettagna ritirerà tutte le fue Flotte, e armate , e lafcierà nelle differenti guarnigioni tutta 1' artiglieria, e le munÌ7Ìoni da guerra, che in origine fono Ilare di pertinenza dell' America .

Vili. Il commercio del Mififfipì farà libero per i due paefi.

IX. Tutte le conquide fatte dopo la fottofirizione dei luddetti articoli faranno reftiruite .

Firmati Riccardo Ofwald. Giovanni Adams. Beniamino Franklin . Giovanni Jay. Enrico Laurens. Nel di 14. il Signor Gerard di Rayneval Miniftro della Corte di Francia ebbe la fua udienza dal Re per rimettergli le fue lettere credenziali, e jerl ebbe una lunga conferenza con Lord Granthim per regolare le mifure da prenderfi , relativamente alla collazione delle oftilità . Il March, di Carmarthen è flato nominato per andare a firmare il Trattato definitivo a Verfaglies, e per rimanervi in feguito in qualità d' Ambafciatore della Gran-Brettagna .

L' Ammiragliato ha fpediti ordini in tutti i Porti, affinchè ceffino gli armamenti, e non fi diano più le folite patenti agli armatori.

Si è ricevuto 1' avvifo da Liverpool , che vi era giunto il battimento 1' Harriot procedente dalla Barbada . Il Capitano del medefimo ha recatala notizia, che il Contrammiraglio Riccardo Hughes eflèndo giunro in quell* Ifola con la fua divilione diflaccata dalla Squadra dell' Ammiraglio Howe avea fatti rimanere in quel Porto tutti i battimenti , che vi fi ritrovavano, affine d' impedire, che il nemico pòteffe effere informato del fuo arrivo. Quella precauzione ha avuto il bra>mato effetto, poiché i Francefi avendo mandati due Vafcelli di linea, e una Fregata ad incrociare per intercettare i legni mercantili deflinati per 1' Eu. ropa , i medefimi s' incontrarono nel. la fuddetta divifione , alla quale riufcJ k feto

JmpaJranìrfi cìclla Nave il Salirarioii cannoni, e della Fregafa di 36". Depone inoltre il fuddetto Capitano, che alla Aia partenza dalla Bai-bada vi erano di gii ftate condotte tali prede . P A E- Jl I - B A S S I Haya 4. Febbrafo. Gli Stati d' Olanda,, e di Veftfrilla, che prorogarono jer 1' altro le loro do liberazioni fino a mercoledì prolììmo iiann.) accunferirjto alla rifeo^jonc delle ini;ioii/ioni fella Provincia fui me«lelimo piede dell anno feorfo. In quanto al Trattato di pace tra 1' Inghilterra fi lente ', che le LL. AA. PP. abbia no accettato 1 armifKzio, ma che dopo il contenuto dei D:J';;.\cci ricevuti jeri per mezzo d' un Corriere llraor.mnario da Parigi, è probabile, che fucceàerà qualche cangiamento negli ArXicoli Preliminari, che la Repubblica iion ha potuti accettare .

Sembra decilb » che nonoflante i Ivaoni uflìcj della Francia, noi dovremo .finalmente fagrificate Negapatnam per «ver la pace con 1' Inghilterra-; fi riguarda di già quello punto come ltahiJito . Tale perdita :ha non poco fve■gli .ti i fautori del partito Francefe.ed Ognuno e curiofo di vedere chi pagherà le ipefe della prefentc guerra. GRAN-RUS SIA PrETRO'-uRGO io. Gennajo. Il Vicario Generale dei Gcfuiri -della Ruffia-Blanca, dopo aver avuto udienza formale, come fi difTe , da S. M. 1' Imperatrice noftra Augurta Sovrana, fu onorato di vifita da tutte le perfone qualificate della Corte , come anche da tutti i Cattolici , che qaiì ì ilicdono. In feguiro fono giunti altri .fette Gelimi , a quattro dei quali è fiata confegnata la Chiefa dei Cattolici per Uliziarla, nella quale hanno efpotla 1' Immagine del SS. Cuor di Gesù, egli altri tpe fono paffati a Mofca per ivi efejpiire le medetime funzioni.

Il nollro Governo intento a nrtoxiò che può contribuire al vantaggio ,dei fu-dditi di quello Impero, ha ilabilita fulle frontiere della Turchia una polla regolata, che va a Beiuler , Coftanrin:>poli , e nelle altre Provincie dell' Impero Ortomanno.

<G'E R MANIA
Vienna 6. Febbrajo.

Da quelli Arfenali fono frati fpediti ne! due antecedenti giorni molti carri carichi d' attrezzi, e munizioni da guerra per 1' Ungheria, come pure un gran numero di reclute , che fono declinare a completare i Reggimenti sì d' Infanteria,che di Cavalleria, che ne hanno bifogno.

Nel dì 28. del caduto S. M. Imp. fi portò a vedere le danze del grand' Albergo de' Poveri, che fu fabbricato con idea di formarne uno Spedale per gì* infermi . A norma poi di quanto fi accennò in altro foglio intorno alla vifita fatta da S. A. R. 1' Arciduca Maffimiiiano al così detto Baeckcnbaeujcl, ove fi degnò vifitare tutte le Camere degli ammalati, fappiamo adeflb precifamente , che volle prendere un' elatta informazione ■ dal loro Medico Dottor Ferro, del regolamento, e fiflema, che vi fi tiene. E ficcome il predetto Medico và facendo divede offervazioni intorno all' aria dejiogiflka per utile, e cura in certe malattie, la R. A. S. volle che gliene folfe fpiegata la Teoria, facendo ufo della macchina inventata per ricevere una tale aria . Dopo di ciò incamminandoli alla Caladi contumacia , vifitò parimente tutti quegli ammalati, facendo le più minute ricerche intorno a tutto quello , che ferve di comodo, e buona direzione dei medeli mi .Jer mattina poi la prelodata R. A. S. fi pofe in viaggio per 1' Italia in compagnia del fuo Maggiordomo Conte di Flardegg, del Chirurgo , del Segretario, e di quattro Staffieri .

Avendo data, come fi difi'e, fella di ballo, e cena quello Ambafciatoxe di Francia, quello di Spagna ancora ha fatto altrettanto nel dì $. con invito della più cofpicua Nobiltà, che v' intervenne in^ian numero. L' eleganza, il buon ordine, 1' abbondanza colla delicatezza precedevano a tal magnifico trattamento, colicene ognuno dei convitati ripeteva . .-che tutto corrifpondeva al gran nume d' Aguillat, alla conofeiuta fplenùidezza della Nazione, e alla dignità deila più luminofa rapprcfentanza, nella quale ilfuddetto Ambaici a

fciarore fi è guadagnati la giuda dima e V amore univerfalè .

Anche il Principe di Lichtenftein ha darò in queft' oggi un fimil trattenimento,. dicendoti , che per tutto il tempo del corrente carnevale farà altrettanto una v.'lta la femmina.

Già s' è dito principio a chiudere , e non celebrar più Melai in quelle piccole Chiefe, e Cappelle , e il I.ibrajo Trattntr , dopo le coniuge; tormaliti pénù di ridurre quella che ha in fua Cali , ad uio di comode danze per unirle al pioprio quartiere.

Scrivono da Monaco, che quel Serenili. Elettore lì era perfettamente riftabiiito dall'ultima fua in Jifpolìsionr. I Medici ebbero quindi 1' onore di offerirgli la loro fervitù , motlrando un atto di dovere, e attenzione al loro Sovrano, che gli afsicurò della fui piote/ione , e fece loro dei doni confiderabili.

ITALIA

Bologna Io. Febbrai».-.

Gira qui il feguente Refcritto Pastorale di Monlìgor Vefcovo di Mantova , pubblicato colle ilampe in quella Città , tradotto dal Latino parola per parola. ...

RESCRITTO PASTORALE Al Memoriale di Supplica de PP. C.ertofini, in occafiene della lopprejftoni loro in qrie/la DtoCefi. „ A Llor.a quando vi .fu intimata dal C\ Regio Sotto ccorromo in nome Sovrano la fopprelfionc dell'Ordine, e del Monallero volìro in quedo Dominio, e Dioceii, voi obbedirle , rettamente operade, avvegnaché interpongo non folle il nolYro Decreto , perchè non ricercato da alcuno , come fupci fiuo ; mentre trattali di Reale Podellà , che Tappiamo elfere Mita da Dio data a' Principi , Suprema, Legislativa , o lia Coattiva , e indipendente da ogni qualunque uomo, e privativa nelle cole temporali , o nelle fpiriruaH, o nelle Iicclefi iftiche , o nelle mille , femprechè quelle non fieno puramente Cpirituali, nè a Dio fpcttmo immeàiatamente; delle quali ildepollto, la diltribuzione, e il Miniflero quanto alla fod i nza , e al valore, umilraciicc per comando Di

vino rrrhdè privativame:ue, ed m.If* pendentenente da ogni e qualunque uomo predò la Chieia , Coficchè fiimo di ienrimento , che ancora i (ottani vodri Voti, i quali riguardano , e necelTarianiente in parte fuppongono di. continuarli 1' elilìenzi dell'Ordine vodro, c della Regola che avete profeffati, e in villa della quale avete fatti i detti Voti, come intrinftcarr.ente condizionati ne' fudditi , tali per erigine, o per filiazione, cioè, /e non, o fino a ' quando il Princìpi della Tcrr» non fi opporrà a" mede/imi; ond.' è , che eflenJttii al prefente purificata colla'fupprelTione la Condizione dell' Qppcfizion« , ftimiamo non poter/i nemmeno dubitare , che refi non lìano elfi di niuna validità al folo fatto; fenza alcuna ulteriore difpcnfa , e che non rimanga per conto di elfi nell'una obbligazione; non, oltante- accora qualunque con-luetudine in contrario , o prelerizione d' uomini, o lede pubblica: le quali cole tutto certamente non po.Tono aver luogo dove monca, o cella il pubblico bene, come nel cafo è inamfcdo eh? manca, od è mancato a giudizio del Sovrano, a cui iblo Iddio ha dato il giudicare la Terra; e agli altri tutti poi abitatori della Terra, fieno fecolari, fieno Sacerdoti, Apolroli , Monaci, ed altri quali che fieno, ha ordinato che obbedivano al medefimo, rafTegnatiflimi di parole , e di tatti. Rimane pertanto folamertte , che obbediate al medefimo ulterior Decreto dell' Auguftiflima Maeflà, in vigor della quale, abitando voi nel di Lei Territorio , vediate modeftamente quaii Sacerdoti fecolari. Siare aferitri al Catalogo del medefimo Clero fecohre -, e fiate addetti per mezzo delle confi'.ete Parenti , che Noi pure firmeremo, ad una delle Chieie. della Cina, o di quella nodn Diocefi , affine di predarle efattamente il. fervi- i gio l'pirit'iale a tenore da' Sacri Canoni, e de' Sinodi Dioccfani: e intanto da ciafeun di voi , che fiete , o fietc flati fitti fudditi per .Origine, o per Filiazione, affettiamo il Memoriale di Supplica in conformità - Le quali cofe diciamo a tutti voi, ficcome ad ogni altAO del nollio Gregge, guai Padore,

c Ve

Vefcovo voflro in fenfi di verità, è di lblleèitudine noftra Paftorale , o Vescovile , intendendo Noi di non offendervi , ma di ammaeftrarvi , l'occorrervi, e confermarvi in ciò che è onerto, e da facoltà di alzarli fenza impedimento a Dio Signore, il quale regga i voliti cuori , e i corpi voltri nell amore di Dio, e nella pazienta di Crirto . Cosi fia . Dato in Mantova dai nojìro Palazzo li i. Ginna/f i73>.

GIAMBATISTA Vcfcovo ec.

Firenze 17. Febbraio.

Sabato 15. del corrente alle ore 6. della fera giurile in quella Capitale procedente da Vienna S. A. R. il Sere ni (Timo Arciduca MafTuniliano Fratel» lo del noflro R. Sovrano in compagnia di S. E. il Conte d' Hardegg, ed andò • fmontare al Regio Palazzo, ove fu ricevuto da S. E. il Conte di Thurn Maggiordomo Maggiore ec. ec., e nella mattina fuffeguente alle ore 9. s' incamminò alla volta di Pifa, e Livorno colà attefo con impazienza dalle LL. AA. RR.

Livorno 14. Febbrajo.

Le LL. A A. RR. conti novano ad onorare con la loro prefenza quella Città . Mercoledì feorfo fi portarono con la Regia Lancia in quella fpiaggia a- bordo dell' Ammiraglio della Squadra Runa, che vi « frazionata, ove furono ricevuti con la fcarica dell' artiglieria del fuddetto Ammiraglio, di tutta la Squadra , e delle altre Navi mercantili quivi ancorate, ellendo (tata corrifpofta da ai. tiro da quelli Fortezza Vecchia. Ogni fera fi degnano intervenire al nuovo Teatro , che è pie» no di decenti mafehere. Quella mattina poi il R. Sovrano è partito alle ore 8. per Pifa, dicendoli che fia per redi cu irli in quella fera in compagnia della R. ArciduchefTa Primogenita. Roma u. Fcbhrajo.

Nelli fcorli giorni fu dichiarato da S. S. Protonotario Apoftolico foprannumerario il Sig. Marchcfe Don Amanzio Lepri, e jeri fi velli della Mantelletta Prelatizia. Il medefimo nella total donazione fatta al Papa, come Angelo Brafchi, fi era rilìrbarol' ufufrurfi> del Patrimonio fua vita naturai du

rante ; óra poi folennèmente ha rinunziato anche a quello, e ne è entrato padrone afioluto la S. S.,e non pagherà in avvenire al fuddetto Don Amanzio che foli 6. mila feudi annui .

Si è intefo da Civitavecchia, che nelle acque di Piombino fia fiata predata da due Sciabecchi Algerini una Pollacca Genovefe carica di grano imbarcato in Sicilia, e diretto per quella Città , con efferli falvato 1' equipaggio . 'Soggiungono le medefime lettere, che il più volte fcritto Tunifino avendo terminata la fua quarantena in Lazzeretto , ha inabilito di non portarti in quella Dominante, ma bensì di prendere in breve il viaggio per Viterbo, e profeguirlo fino a Firenze, al quale effetto ha fatto qui acquillo ne' paffuti giorni d' una carrozzi da viaggio per fuo fervi zio.

Napoli Io. Febbrajo.

Quella Corte fino del dì 3. corrente prefe il lutto per la morte della PrincipefTa Maria Carlotta di Savoja Conforte dei Principe Antonio Clemente di S'afTonia, quale durerà 5. fettimane, la prima delle quali "grave.

Mercoledì j. dante circa le ore 19. fu fentita in Medina una gagliarda fcoffa di terremoto per cui caddero alcune cafe verfo il Piano dello Spedale . La medefima replicò di nuovo, intorno le ore 7. e un quarto della notte , gettando a "terra una quantità rirodigiofa di cafe. Il Padrone del ba-< ftimento che ha portata tale infaufta nuova ha deporto, che fui far del giorno la fuddetra Città di Mefsina era circondata da una folta nebbia, che la nafeondeva all' altrui vitla; che in leguito nel farfi maggiore la luce del giorno vidde la Cittadella, di cui la • metà parea caduta ncll' acque, ^d una voragine di fuoco, che terminava di gettare a terra il rimanente delle muraglie che ancora erano rimafle in piedi; che una delle Reali Fregate e/illenti in quel. Porro avea fparati meliti colpi di cannone per cftinguere 1 incendio , e che non avea veduto altro che una fola perfona preftntnrfi al lido cercando qualche barchetta • che la falvafle .aflienrando inoltre, non fi sàcun .qual fondamento, che ilfoloCon» vento de' Cappuccini era rimallo illefo.

« 이전계속 »