페이지 이미지
PDF
[ocr errors][graphic][merged small][ocr errors]
[ocr errors]
[ocr errors]

R T O G A L

Lisbona 4. Febbraio.

SUa Maeftà intenta femore alla felicità de' Tuoi popoli, e all' ingrandimento del commercio, ha fatto pubblicare colle (Vampe un Decreto, col quale rende efente dai dazj ogni e qualunque iurta di mercanzie nazionali, o ilraniere imbaiente ne' Porti di Lisbona , Ifole , e Braille , definiate a fare il coi io dell' Indie e trasferite nei l'orti di Goa, e Macao. e in quei dell' Afia, e delia Cina; ed egualmente quelle che verranno caricate ne' detti due Porti coli' ifrelTa Bandiera per qui di lì mare, non dovendo da ora in avanti pagarli che il

folo 4. per cento di aggravio, come che è il leguente .

meglio fi rileva dall' rrreflò Decreto,

, I O La Regina fb fapere a quei che 1 vedranno qneft' Editto, che avendo dati vai j provvedimenti per promuovere ed animare il commercio e la navigazione dell' Alia ; e bramando continuarli in benefìcio ed utilità della Capitale di Goa -, he ftimaro bene ordinare , che tutri i generi, effetti, manifatture o nazionali, o eftere , che fi fpediranno ed imbarcheranno nel Porto di Lisbona fopra Vifcelli da trafporto nel corfo dell' Indie,oppure in qualli voglia eltro Vafcello Portogliele, che fi indirizzeranno con pieno carico verfb il iùrrifrrito Porto di Goa, e che in elio (caricheranno i detti generi, effetti, e manifatture, pagando i diritti ivi ftabiliri, o Imno dette manifatture pel con» fumo di terra ,opcr efier dipoi trsfpor-* tare fuori per la via di mare, o del continente , e facendo o volendo fare i detti Vafcelli ed imbarcazieni la Ica 1 a per l'liole Aizorc di Madera, operi Pet

ti del Brafile, e caricando in effe vini, acqua-arzente,zuccheri, e quallilìa altre genere del prodotto delle naedefime Iloie , e del Brade , eccettuato foltanto il Tabacco; per efTer parimente tralpof.tati al Juddetto Porto di Coi, non par ghino nelle Dogane di Lisbona , dell' Itole , e del Brafile più del quattro per cento di gabella . „

( Sarà continuati». ) FRANCIA Parigi aj. Febbrajo. Ognuno ha potuto ofièrvare qual fermezza abbia dimedhata Lord North nel corfo del lungo, e difficil Aio Miniftero. Dovette finalmente cedere al partito dell' opposizione, ma non mai giùnfe a perdere la (lima del fuo Sovrano,. e la fiducia della nazione , anche allorquando un' opinione contraria alla fu* prevalfe nel Gabinetto di S. Giacomo. Se fi può predar fede ad alcune lettere giunte poche ore fono da Londra, quello Miniftro è flato Trmtflò nel fuo impiegó di primo Lord della Telòreiia, e il Sig. Fox è rientrato in lì e me con lui nel Mini Aero . Soggiungono le medefime , che Lord Shelburne dopo avec avuta una pluralità di 16. voti contrari nella Camera de' Comuni fi è ritirato, Quefto ftrepitofo cangiamento, per quanto fi afsicura , non produrrà veruna mutazione nell' attuale flato degli afrari . La pace è conchiufa, firmata, ed anche ia prte efeguita, poiché le tre Potenze hanno di già ordinato che cefsino lei edilità , e fi dil'ai mino i legni da guerr , ra . Si prefumc fedamente , che il nuove Miniftro pofTedendo in grado eminente il vero fiftema di amminiftra-zione f) politica, che economica, farà godere vantaggiofamenre all' Inghilterra le dol* cozze, che .vi deve apportare la tran-* ,

qnjl

quii li tà , e i diluì partigiani vogliono ùi più clic li fiducia nazionale gli renderà più facile tuttociò che intraprenc'erì per far fiorire 1* agricoltura, l'industria , e la navigazione della Bandiera Eritinnka.

Il Conte di Rochambeau, che è ritornato d' America a bordo della Frc'ara la Gloria,è flato graziofamente accolto alla Corte . S. M. fi è trattenuto col mede.'imo per tre quarti d' ora parlano1)-; i di oggetti relativi alla fua armata. Durante il tragitto, quello Generale , è flato in due gran pericoli, primo perche fufèiratofi il fuoco a bordo della fua Fregata, con gran fatica potè reftare etlinto; 1 altro fu che la raedefima venne inl'eguira da un Vafcello Jnglcle di 6±. cannoni, da cui gli riufcl ialvarlicol favore di una denfa nebbia.

Si a (Tic lira eifere intenzio ìe del Governo di mantenere in Tolone una ragguardevole Squadra , pronta a metterti in mare, per quallìvoglia bifjgno. A Breft fi continovano le corruzioni , ed a Baìonna, li fono preparati t materiali per la formazione d' un Vafcello di 74. cannoni , che farà facilmente fabbricato a Rochefbrr.

Le lettere di Mariilia hanno recito il feguente tragico avvenimento. Facendoli una feda di ballo fuori di quella Città, alcuni di quei Signori vi avevano invitate diverfe Dame. Una delle medefime amabile , e giovane ritornando a cafa fua dopo mezzi notte, alla metà del cammino una mafehera fi avvicinò alla portantina, e interrogò uno de' buflTolanti, chi era la Dama, che dava dentro , ma non avendo quelli rifpofto, detta mafehera fi allontanò . Neil' arrivare alla porta della cafa della medefima, fi prefenrò di nuovo una in afe he ri , e nell' Mante fu fcaricaro Mi colpo , il di cui flrepito sbigottì Talmente i buflòlanti , che caddero a terra; nel rialzarli , veddero fuggire 1* aggrefTore , ed uno di e il avendo aperto lo fportello trovò la Dama tutta infmgainati, e rimaìra ucci fa dal Colpo che le eri (lato tirato nella nuca . Immediatamente fu gridato, e domandato foccorfo , e fu offervato , che altre <;-palle erano penetrate, e ri malie «ella porta dell' abitazione di quell'infelice. Si fanno attualmente tutte le «cerche ptbibiii fopra a «jneiV orribi

le avvenimento per rinvenirne il barbaro autore.

GRAN-BRETTAfiNA Losdra 10. Febbrajo. Siamo certamente alla vigilia d'un gran cangiamento nel Minittcro; quantunque jeri nulli folle decito nel Par* lamento. Si pretende che Lord North, ed il Sig. Fox cori i loro partitami rientreranno quanto primi in carica , e tutto indici una generale rivoluzione; tantopiù che Lord Shelburne ellendo flato interrogato nella Camera Alca dal Duca di Richemond, le Trinquemale farebbe reflituito agli OIandefi.il fuddetto Lori rifpofe francamente • che doveva eiTer rclo. Allora Lord Keppel fi alzò furiofamente, e dille , che egli «Kfapprovava i Preliminari , e foflenne , che adedò vi erano 109. Vafcelli di linea nel migliore irato, e too. mila marinari , che in confeguenza la nazione doveva piuttosto continuare la guerra, che forremetterfi a delle umilianti condizioni .

I timori, che fi erano concepiti dì un duello tra i Generali Murray, e Draper erano ben fondati , e nell* incerte '.: a dell' avvenimento, il primo aveva già fatto il fuo testamento, ma la prudenza del Governo ha prevenuta quella difgrazia. Il Gen. Murray avendo ricufato di fare al Cav. Drapcr le leu le che il Conlìglio di guerra desiderava . fu meilb ai ferri. Per giu'tificarc la fua condotta indirizzò una Memoria al Re, per mezzo della quale efpofe alla M. S.le ragioni, che aveva avute di non prefi ari! alla rie liciti, frante che la feufa preferirra era concepita in termini così incompatibili con le fue idee fopra il punto d' onore , che gli era impoffìbile di mai fottometrervifi -, ma dichiarò nel tempo ftello, che era pronto a faro delle feufa al prelodato Cav. , purché gli folte lafciata la libertà di fervirfi di efpre(fioiii a fuopiicere, pregando che in feguiro vcniaTe liberato dall' arrette. S. M. accordò la domanda a condizione , che egli impegnane la fua parola d' onore di non punto sfidare il fuo avverfirio. In confeguenza il Configlio fi radunò, ed i due Generali comparvero in prefenza 1* uno dell* altro , e dopo efTcrfi fatatati il Sig. Murray diffe „ Che fiftintava sfortunato, che qualche » tirtt 4tlU f%» fOttdtm, durante it

»JÌÌB

fùo eomanJ» a Minore*, evt/fe offl-fo il Cav. Guglicimo Draper . Siccome tutti e due hanno impegnata la loro parola di onore di non sfidarli, il riguarda quello affare come terminato.

Neil' Adunanza del Parlamento del dì li Lord Maitlandpropufe nella Camera dei Comuni di fupplicarc il Re a conferire qualche fegnalata diltinlione di onore al Generale Elliot Governatore di Gibilterra per i lervigj si importanti, che il medefimo aveva refi alla Aia Patria colla vigorofa,ed intrepida difefadi quella Fortezza d' ineftimabil pregio; ma ticcome la M. S. avea già conferito a quelle Ufiziale il Cordone rofTo dell' Ordine del Bagno, con una rendita di 1300. lire (Ieriine 1' anno, fu decifo di fofpendere quello affare . Il fuddetto Generale fi afpetta in quella C tri verfo il fine del corrente mele, giacché dagli ultimi Difpacci fi rileva , che gli era pervenuta l* avvifo per mezzo d' un Pacbotto della cefTaxione delle oftilità.

PAESI-BASSI Haya 1 J. Febbrajo. Gli Stati d' Olanda, e di Veltfrifia hanno p orogate le loro delibera-. 7 imi fi io a venerdì prodi no. La pace colia Gran-Brettagna ne forma il principale'oggetto, e fi pretende , che la Città di Rotterdam abbia fatta la propofizione d'inviare un Miniftro a Londra per agire drrett \mente col Governo Britannico, ma quali tutte le altre Città hanno dimollrara non minor repagnanxa per quella propofizione , che per acconlenrire alla ceflionc di Negaparnam, c di accordare alia bandiera Inglefe la libertà delia navigazione, e del commercio in tutti i miri dell' Indie" Orientali. Le Città diDordrecht, Haerlem , Leida, Goudc , Amfterdam , Alckmaar, e Hoorn fi fono fòrtemente oppofle a delle conceflìoni • dr tale lpecic, che produrebbero inevitabilmente la rovina totale della noftra Compagnia; rovina , che metterebbe nella bilancia della Gran-Brettagna in quella p^rte di mondo futtociò, che vi perderebbe la Repubblica . Oltre qui da cagione, che ha la Francia di non aderire a fimili facrifizi, un tal Trattato non ferverebbe, che ad impegnare la Repubblica a riprendere i fuot antichi vincali coU* Inghilterra . Si ere ■

de , de 1' affare farà decifo noli* Afi femblea delle LL. NN.,c GG. PP. nel dì 18. del corrente.

Neil' iflclfo giorno gli Stati Generali fi determineranno per la nomini d' nn Inviato per parte loro prciTo gli Snti Uniti d' America. Frattanto tiné a che il tempo faccia vedere gli efFet-* ti, che devono refultare per la Repubblica dall' impegno con cui la Città di Amfterdam fi è affrettata a formare delle unioni con quella nuova Potenzi, và in giro una lettera del Sig. Linguet, in cui leggefi il feguente paragrafo , concernente le confeguenze, che deve produrre la rivoluzione d' Ame» rica. „ Son di parere , dice egli, che „ di tutte le Potenze di Europa, la di „ cui febbre di ribellione, e di indipen„ denza ha medi in moto gli fpiriti, „ a fegno che fi fono lafciati trafpor„ tare a cagionare dei danni irrepara,, bili per aver la gloria d' inalzare ,, un trono al Congrefìb, non ve ne è „ alcuna, che debba foftrire per quella „ febbre maggior languidezza, e un „ indebolimento pili fanello dell' O„ landa. „

GERMANIA
Vienna Febbrajo.

Il più volte nominato Ambafeìaror di Marocco nella mattina del dì 14. a 3. ore dopo mezzo giorno fervito dal- 1 la muta a fei cavalli, e ftaféeri in livrea di Gala di quello Sig. Principe di Kaunitz, fi portò all'udienza dide:-: to Miniftro. Stava egli nel primo luo-' go avendo dalla parte oppofta il Segre*: tario d' Ambafciata , e 1' Interpctre Ccfareo. Lo feguitavano tre carrozze a' due cavalli, nelle quali erano le perfine del fuo feguito. Giunto ali » Cafa del prelodaro Principe furono ferviti' tutti di fquifiti- rinfrefehi , e dipoi 1* Ambafciatore prefentò le fue credenziali : doman lo V udienza ancora d'i» S. M. 1' IiTperatore, e gli fu dato ifi1 riipofta per mezzo dell' Fnterpetre Imperiai? , che }' avrebbe avuta n*l giornofufTeguente , alla quale fi p atera con • 1' ifteffo treno, fervito per altro dalla mura, e livree di Corte. Si mole che per tale occaSone fiano ftatl • invitati all' anticimera i Minlftrtdi quéfta Città, e quelli ancora del Corpo Diplomatico , oltre le Cariche di Corte , Ciarriberlani ec., c che le Guardie Nobili # Un

■?" t *

Oi»Jire!ì, e Pollicene: faranno rive {Vite in unifome di gala, volendo la M. S. che tal funzione (ia efeguita nella forma la più brillante, e magnifica.

Martedì fera incafadi quello. Ambafciàtorc di Francia vi fu feda di ballo , e cena, avendo fitto altrettanto quello di Spagna nel fufieguenre gior-» nò coli' invito di circa, 400. Nobili del primo ra-Ago , efteri , e nazionali . Oltre la fqniiita cena data in ambedue le dette fede, furono distribuiti, durante il ballo , abbonda/iti rinfrtfchi d' ogni forte .

Sabato mattina redò fopprefio per ordine Ce (ateo il Monaftero de' Benedettini detti Sparrwflli Ntri 11 loro Padre fuperiore ha avuta una penfione. di 4. mila finii ni, e quegl' Individui, ì quali non faranno trovati, idonei pei; la cura d' anime, verranno riuniti ai Benedettini Scozzili.

I foggetti deftinati a prefedere alle nuove Parrocchie hanno ottenuto da S. M. l'annuo emolumento di i<oo. fiorini , ed il prodotto di tutti i Diritti, di .Stola già diminuiti, e tafiati per. ordine Sovrano fino dallo fcorfo anno, dovrà efler nmeflfb ogni femellre regolarmente alla così detta Caffhdella Religione . Le fopradette Parrocchie non potranno mai più ottenerli quando il podulante non fia flato prima, ad-; dottorato in Sacra Teologia in una di . quelle pubbliche Univerfità . All' effetto poi di premiare lo zelo , e 1' attento lpiriruai fervitjio dei refpettivi Par < rechi è Mata (labilità nelle Provincie una legge collante, per cui i benemeriti tra efli faranno i foli abilitati a tutti i Canonicati, e dignità Capitolari , di maniera che nell'uno potrà fpe-" rare dì giungere neppure all' Arcive- 1 fcovado, e Vefcovado, e :ad altri. Or 1 Mori Ecclefiàdici , quando non.lr fia fitto conofcere un degno ed attivo Operaio nella, vigna dej Signore ih qualità di Paroco. Un sì faggio regolamento viene corroborato coli' abolizione della: inveterata confuetudine adottata dalla maggior parte dei Capitoli, per cui la Nobiltà de' Natali, era un-requifim,; che volevafi per neceftario nella' collazione de' Canonicati. '■ •■ J

La. notizia, che il-battimento AuÉriaco denominato la, Città di Vienna . ■%Sc (tato predato, dai CorfarJ Algerini

fi e rilevata inluflìdenre con molta fbd

disfazione. ,di quelli Negozianti . Ma poiché,'non vi è dubbio che i dettiBarbirefchi inquietano la noilra navigazione , fi vuok,.che la Certe penfi feriamente per mezzo di Trattati colle Potenze Affricane a garantirli da ogni inconveniente , determinata ad impegnarvi' ancora la Porta Ortomanna . Nelle circoftanze prefetti di una pace marittima universale , è molto dcliderabile la conclusone di un tal progetto .

In ordine alle note fpedizioni militari , nulla vi è di nuovo, fe noa quanto abbiamo altre volte accennato. Il Barone diThugut giunto qui da Var» favia negli feorfi giorni, fi. pretende, che farà per incamminarli adla volta diCollanti nopoli per trattare da tutte le pendenze, che vertono con quelli Corte , e che non hanno.avuta fin qui una (labile e deciliva riibluzione .

Con Decreto dei 9 dicembre dell* anno feorfo k' Augurio noftro Sovranofi compiacque dichiarare Città Ragie + e Libere le dtre Fortezze , di Tern/a/ìiadt, e P/eff+che fi danno edificando in quello Regno,, concedendo alle medefime turte le franchigie , e diritti , come pure Mercati fettimanali, e fiere annuali , di cui fogliono godere le altre lue Regie, e libere Città.

'Scrivono da Berlino , che il Re abbia dedinato un ("oggetto , il quale dovrà portfirfi-a Filadelfia per riledervi in qualirìdi Agente predo gli Stati Uniti dell' America , aggiungendoli , chefi equipaggeranno più Navi mercantili, dedinare a far vela verfo quella parte di mondo per aprirvi un commercio» TURCHIA

Costantinopoli 15. Gennai».

E4 data qui annun/.iata la pace conchiù fa tra l'Inghilterra, e le altro Potenae, e tutta quella Città ne ha rifornita , e^dimodrata una fomma allegrezza . E* b?n vero per altro , che il Divano è molto inquieto Culle pretensioni della Ruffia , che vuole edere padrona adoluta del padaggio del Canale, e Mar-Bianco , e tutta la Città crede idL certo che. predo faremo in guerra-. Anche 1' Imperatore richiede molto (òpra le nodre Provincie Europee , onde il: Sultano fi trova in cririt he cirv codanze; e febbene egli fia di (pollo ad accomodar» il tutto all' amichevole , nonoflante il partito de'Grandi inclina a tentare piuttofto la forte dell'armi, che cedere a tante diverfè richiefte tane fvantaggiofe allo Stato, e al decoro dell' Impero Ottomanno.

Siccome nella pattata eftate il paffaggin delle Cavallette fu numerofo, così ne caddero in gran quantità nelle conferve di Belgrado , e ne infettarono le acque che di là vengono in quella Capitale col "produrre delle trifte confegnenze a chi ne beve. Quindi è, che molti fono (lati attaccati da fìeriflimi dolori colici, e fpecialmente gli Ebrei. Il vajolo ancora fa una ftrage forprendeate , ma cnntuttociò fi feguita in Pera la pratica fcambievole di tutte le Nazioni, ed i Miniftri Efteri hanno principiato a dare i Ibi iti balli di ceremonia .

Nel di 29. dello fcorfo dicembre fu levato di porto il fupremo Vifir , alla qual dignità venne inalzato il fuo Kiaja , o fia Luogo-Tenente, che fi chiama Almet - Pafcià , il quale è flato più volte Reis-Effendi. Il deporto è pafTato Bafsà a tre code di Vidino fui Danubio, e l'altro antecedente a quello Yzzet - Mebemet, è ora Bafsà di Belgrado.

Il Confole Ruflb di Moldavia partì per Caffa in qualità di Rendente, e in fuo luogo è {tato nominato il Sig. Severin, che era qui Segretario di Legazione .

Le novità , che abbiamo dall' Indie fono fempre le più favorevoli per la Nazione Inglefe, la quale fi tr»va aver fatta la pace con i Maratti, re» fpinto Hyder-Aly, fcacciati tutti i Francefi , e prelb pofielìb di diverfi ftabilimenti Olandefi in quelle parti. ITALI A Milano 1. MarTo. Fine de/r FiHtoec. Vedi N. 17. p.

„ Vili. Le Difpo<ìzioni già da Noi emanare per la Soppreflìone de* Monafteri d' alcuni Irti tu ri R eli gioii , dovranno lortire il pieno loro effetto . IX. E così pure quelle , che riguardano il difracco de* Monafteri dai Cenerà li , e dalle Congregazioni del loro Ord;ne fuori degli Stati del Noftro Dominio r e la perfetta fu» b«rd" nazione di «(fi alla Podeftà originaria de' Vefcovi: iòlo Vogliamo per

mettere, che i Provinciali, o Capi delle Congregazioni Nazionali, che faranno nuovamente eletti, diano parredclla loro Elezione al Generale dell' Ordine con una Lettera di femplice Notificazione , e lotto Sigillo volante , la quale dovrà prefentarfi al Governo, e fempre che il medelìmo la trovi coriforme al qui da Noi difpofto, la manderà al Noftro Miniftro relidente in Roma , e per lo lteffo canale pallerà la rifpofta del Generale: e qualora in tal cafo emerga qualche rilievo, il Governo ne informerà il noftro Cancelliere di Corte, e Staro. Si compiacerà il Serenifs. Arciduca Governatore difporre 1' elocuzione , e l'oflèrvanza di quanto fopra; e preghiamo Dio, che lo confervi per gran numero d' anni. »

Vienna 30. Maggio 1781.

Giuseppe .

„ Le Sovrane Prefcrizioni emanate per la Tolleranza Civile di coloro, che non fono della Comunione Cattolica, e alle quali fi rapporta 1' Articolo I. del Real Dlfpaccio fenza riferirle di nuovo , efiendo Hate refe note per ordine fpeciale di S. M. coi pubblici Fogli 19. ottobre 1781., e da Noi gii traimene ai Tribunali, Dicifteri,Giudici, e Corpi Civici, dovranno riguardarli , ed offervarG effe pure cerne norma legale in quefta parte per 1' adempimento delle Sovrane Intenzioni. „

„ Acciocché pertanto il Pubblico i ed ogni altro, a cui, e per quanto appartiene , rimanga intefo di quelle So-vrane Determinazioni, Ordiniamo che il prefente Editto venga pubblicato , ed affiflo ne* confueti luoghi della Lombardia Auftriaca . „

Milano 10. Febbra) 0 1783.
Firenze Io. Marzo.

Dal Segretario del Regio D;ritto è fiata inviata a tutti i Vefcovi, e Giusdicenti dello Staro la feguente Circolare . „ ^ Ua Altezza Reale ha veduto che k j gli ordini dati per moderare f no a quel fegno che lì conviene le Queftue nella campagna, non hanno prodotto che un deboliflìmoeftVtto.fnrfe perchè i Vefcovi fi trovano troppo cofternatf dall'importunità dei poftulanri per ac-J cordarne le licenze , ed i Giusdicenti fon' portati ad approvarle per un rifpettó veifo i Vefcovi. Comprende perciò che ft*

« 이전계속 »