페이지 이미지
PDF

tno Medico del Reggimento dei 2?w» ghefi è (lato incaricato di affhìere i poveri gratis , e di fomminiftrar loro rutti i medicamenti , dei quali avranno Infogno. 11 lunedì, il giovedì , e il fabato di ciascheduna fettimana fono i giorni desinati al fuo làlutare elérciziov

La prelodata M. S. fu fatti diflri•buire 5000. fiorini agli abitatiti di Trtntr febin, per metterli in grado di rifar-circ k proprie cafe (late molto danneggiate neU' ultimo incendio.

L' Inviato di Marocca continovi a godere perfetta la! tue, ed ora profittando del tempo lereno fi p.irta col tuo feguito a vedere le cofe più belle di quella Città , efsendo flato ultimamente al palleggio in carrozza nel Prater, e all' Augarten

I Sacerdoti Foretlieri hanno intefo il loro dettino T volendofi che quelli , che fi ritrovano qui già da 20. anni, e quelli, che fono giunti all' età d' anni 50. pollino continovare a retlarvi, e gli farà accordato di celebrare la Meffa nelle reipettiveChiefe di Città, e Borghi, nelle quali hanno fin: qui celebrato; quelli poi, che fono mancanti dei datti due requifiti, dovranno ritornarfene alla loro Patria, poiché 1' intenzione di' quello Governo è , che rettino provvi. fìi, e preferiti i Sacerdoti fudditi Nazionali ,

Jerfera verlb le ore 6. due Barche cariche di legname che venivano per il Danubio, ebbero la difgraiia neli' avvicinarli alla riva d' urtare negli archi del nuovo Ponte, che fu coftruito 1' anno fcorlò nel Borgo del Roffau, e fi fracafTarono in modo, che tutte le legne fi fparfrro per P acqua, credendoli , che vi fia anche perita una femmina . Il danno fi fa afeendere ad una fomma confiderabile, calcolandoti, che ve ne fonerò circa foo. carra. L* inavvertenza dei barcaruoli quella che dà occafione a tali accidenti, non efiendo quello il folo, che (la feguito.

Alcuni effetti . che appartenevano alle fopprefTe Religiofe Carmelitane Scalze del Monatlerodi S. Giufeppe, fono (lati podi all' incanto i e nel dì 15

fi farà 1' ideilo del rimanente di derft effetti , penfandofì ad erigere in quefto luogo una fabbrica , di cui s* ignora 1* ufo , che ne farà fatto .

In quella mattina è partito il Sig. Barone di Breteuil dopo d' efferfi congedato , come fi dine da S-. M.,- MiniUri fcfleri , e Nobiltà Nazionale', parendo , che fi confermi laf nomina del -Marchtfe di Noailles per Succedergli Con 1' ifteflb carattere .

La differenza inforta fra S. M. il Re di Napoli, e la Repubblica di Ramiti ha rifvcgliata 1' attenzione dei Politici. Pretende la M. S. di mantenerli nell' antico diritto di nominare per Comandante dell' armi Ragufee' un fuifditoNapoletano. Il Refidente di quella Repubblica ha perciò implorata la prc* lezione di quella Corte , ma fino ad ora nell'uno sà come terminerà quell'affare .

E' giunto qui un Americano in abito militare della fua Repubblica; fi è già pie tentato al Monarca >• ed è comparto alla converfazione del Sig. Principe di Kaunitz . Si dice, che egli fia incaricato- di fare a quella Corte 1* offerta d' un Trattato tr amicizia, e di commercio ; fino ad ora fi ■ crede che non abbia prefentate le fue credenziali. Egli è un uomo affai proprio , inoltra dello fpirito, ed è listo molto bene accolto'.

E' rimatto del tutto evacuato lo Spedale di S. Giovanni Nepomuceno , che ferviva di ricetto a un numero d'uomini , e donne che vi convivevano facondo le fondazioni fatte da varj particolari , e dalla Nobiltà. Prefenremente egli è occupato d» un Corpo- d' Artiglieri . e Invalidi, che erano già nella gran Cafa de' poveri nel Borgo de* PP. Trinitari, che è tiara pure evacuata, e verrà aderto ridotta ad ula di Spedale generale per i malati V ohe faranno ivi a Aio tempo tutti ricevuti.

Nelli feorfi giorni S. M. Imperiale fece una promozione nel militare, avendo nominati più di 30. Generali , la di cui lifta però non è ancora fiata pubblicata.

Colle ultime lettere di Offenda Q ..■}>. *-avuta- è avuta la conferma della trilla nueva the fui mare di Dublino è perito il battimento Auflriaco denominato il Conti di Belgiojajo, deftinato per la China col carico di un milione e 170 mila fiorini, lenza che fiafi poruta falvar la gente, nè la più piccola colà . Nella della burrafea naufragarono altresì due altri battimenti della Compagnia d' Anverfa , 1' uno detto 1* Arciduca Maffìmiliaao, 1' altro il Caute Natii .

In ricontpenfa della premura che fi dà quello famofo Banchiere Fries per I* aumento dell attivo commercio della Mona chia, S. M. lo tu prometto al grado di Conte del Romanu Impero , e gli ha condonate tutte le tafle.

Così pure in premio de' due valorofi fuoi Marefcialli Lafcy, e Laudon 1 ha ordinato il Sovrano , che in loro onore fieno fcolpite due Statue di marmo colle feguenti Menzioni. Maurici) Lucy

Stimmi Cajhorum VroeftQi
qui

belli acjue ac pacis Artìbut
dar ut

illit vincere '. bit patriam invifiam reddert docuìt

Sui il) feientia militari lujlitutorit
et Amici
Jofcpbus II. Aupiflut
grati animi fui monumcntum
beic punì jujjit
Anna MDr.CLXXXIIL

Gedeonis Laudo»
Stimmi Cafliomm PraefiiV
ftmptr Jìrcnui, fortis , felicis

Civis optimi exemplum Jofephus II. Augujlttt in ejut Effigie prtponi voluit

Ann» MDCCLXXXUI. L* Autore di cali Ifcrizioni è il Sig. Barone di Sperges.

TURCHIA Costantinopoli 17. Marzo. Appena che il nuovo Patriarca Armeno Scifaatic* tu rimciTo nel porto

di fua dignità r incominciò di Moto con un maggiore sdegno le fue perfecuzioni contro i Cattolici Armeni ■ fu i quali ha efercitate le crudeltà del fccolo di Nerone. I più qualificaci fono (Vati mandati in efilio, ed altri ritenuti per alquanti meli in prigioni mattane, ed infette, dopo averne condannati molti ad elFet battuti, e tormentati fulle Galere Un Minìftro Europeo colpito dalla compaflione per quelli disgraziati, ha trovata la ma» nrera dì far pervenire un' efitta relazione di cutto nelle rhani del Gran, Sultano. Emendo quello un Principe Clemente , e che mai ha approvata la tirannia del Patriarca, ha dimollrati t più rivi fegni di difpiacere, coir dar ordine , che rutti fiano rimedi in libertà , c in poiTeflo de' propri beni. Di più ha inviate delle irruzioni per i tuoi Stati, affine di notificare edere fua intenzione, che niuno fia mole fiato a motivo di Religione , e foprat cutto i f setolici Romani i quali volc va che follerò rifpettati, e riportine! la piena libertà intorno all' efercizio de la medefima.

ITALIA • Milano I J. Aprile. Un lacchè di una rìfpettabil c; di quella Città . .dolendoli con i prò padroni della condotta di fua mogi efpofe ai medeftmi una quantità di cufè contro l'irtefTa, dipingendola una donna portata ecceffivamente al ▼ertimento, e alla gran converfazii Volendotene elfi affìcurare , ma tono alla cafa di quella donna ale pirfone a lei cognite, c munite < necefsarie irtruzioni, che -invitand una partita di piacere in campa ne ottennero immediatamente 1* '. fa; Ma dopo varj giri per la tà fi trovò la mal' accorta fera nelle regie carceri, dovè fu rit fino alla fufseguente mattina , e di fatta Daffare nel Confervator S. Zeno- Il padre di quella colf vivo dal fegaito contrattempo , pendo altresì che il marito dell Figlia non era molto efèmplare bene fi pofe attentamente ad inv

re i diluì andamenti, e tanto fece che to la prima . Quindi il fudaetto Emigli riufcì di forprenderlo colla giudi- ncntifsitno Cavi, avendo ordinato che zia preilò una fua amica che da qual- lì feguitaffe lo fcavo in quel medefiche tempo eri Hata efiiiata da quello mo luogho, dopo alcuni giorni vi fi fon Dominio Fun no ambedue arrellati, a- trovate cinque Urne cinerarie di marfpettandofi aderto il fine di un avve- mp bianco due delle quali formate di nimento curiofo in vero, ma non dell* baffi rilievi di (riprendente fcultura , ultima novità. . giacché le Statuette ivi efprefle fono Firenzb ai. Aprile. . si ben formate , che nella corporaJeri ricorrendo la folennità della tura fi diftingue il giovine dal vecRefurrezione del Signore, S. A. R. ac- . chio, vedendoci le vene, le muculature, compagnato dai Ciambellani, Cariche i nervi, e tuttodì) che di più minuto fi di Corte ec fi portò in orma pubbli- può defiderare in un' opera perfettiffima, ca ad affi fiere al Divino firvizio inque- In eira cava prelentemcnte fi fono anfta. Metropolitana, e quindi col foli- che trovati molti pezzi di verde, e toi treno fi reftituì al R. Palazzo. ove giallo antico , e fpecialmente una Iammeile all' udienza varj Miniftri E- fcrizione fu di una Lapide, che dice fieri qui reltdeati. Minutins ec. Triginta in Agro, et ViQuella mattana intorno alle 7. è gititi quinque iti fronte pofyit interprepafTato di qui un Corriere ftraordina- tandoli che in <juel pollo, ove fi fcariò procedente da Pietroburgo, e diretto va , vi fofTe una villa, nell' interno delper Livorno, il medefimo ha fatto il la quale vi erano fiate pofte }o. Statue viaggio in 18. giorni, e reca Dìlpacci e venticinque nella facciata di S. M. 1' Imp. delle Ruffie per 1' Colla diligenza delle Pofte giunfe Ammiraglio della Squad a che fi trova giovedì (era della feorfa fettimana il llazionata in quel Porre . , Sig. Marchefe Spinola con la Signóra Roma iti. Aprile. > • Marchefa fua Conforte da Napoli* che . S. S. ha dito un nuovo.faggio del- pafTa ad occupare in Venezia la riguar» . la fui fovrana beneficenza verfo il Cor»- devote carica di Miniftro della Maeflà feryatorio Pio, col paffare in mano dell' del Re delle due Sicilie a quella SeEmo. Card. Cafali protettore, la fomma reniflìma Repubblica in luogo del dedi feudi Iooq. per foddisfare alle fpe- {unto Marchefe Finocehietti . fe occorfe nell' accrefeimento de' ne- Fin t'a* pafTati giorni fi è trasfe» ceirari comodi in quello già polii inr rito alle Paludi Pontine per ofTervare opera. • . , v ; le Bonificazioni di quei'teneni MonfiAccomodandofi da molti lavoranti gnor Tefla Uditore della Sacra Rota Mila (bada tre miglia lontano da Odia, . laaefe.. . . <;-i.c,ì •• yi nel cavare i materiali per la medefima Dopo efTetfi trattenuto in quella « trovarono fin dal paffaro Carnevale Dominante per 4.1. giorni il Sig. Benitre Statue con alcuni baffi rilievi gran- slamici Canonico Primicero della Chiedi , che fperando di poterli occultare fa di Polofco, martedì mattina fi rili fbrterr irono, ma rilaputofi tuttociò mefTe in viaggio per ritornare nella dal Card. Gio. Francefco Albani De; Ruffia,Bianca ,• Si. ajee,» che appena ar" » cane, e Velcovo di quellaCittà, rinvenne rivato and^r,*. a Pietroburgo , dove . la maniera di obbligarli, fanto a de- farà' confarra^o- Vafcovo Suffragane©. • nunciare le Statue, é i baffi frilevi, delfa Chiefa, di >Molfiloy' dal.&un7Ìo quanto anche il póll i dovè le avevano Pontificio Archetti ^rche ' 4 •t,aJ\;OggeltT,^ cavate-. Un 1 Vile dette Statue d'i mar- to fi deve" portare in qùilla Capitale mo greco di rarifsima fctiltura , qua fi da Varfàvia . Si vuole i noltre che 1' J trafparentc con un panneggiamento bel- Imperatrice delle -Ruffie fi troverà prelifsimo rapprefenta una Òonna , e la fente alla confbcrazione, bramando di altre due fono valutabili ma non quan- Vedére una t,al funzione,.

[ocr errors]
[ocr errors][merged small][graphic][ocr errors][ocr errors]
[ocr errors][ocr errors][graphic][merged small][merged small]

Dopo avere aderito la noftra Corte al Trattito della Neutralità Armata, ne è (lato ft; pulirò un altro di reciproco commercio òa quello Governo con S. M. 1' Imperatrice delle RufCé;! in conseguenza fono partiti da quefter Porto tre bafhmenti Nazionali carichi dì varj prodotti del Regno, e deftinatf per i Porti di Riga, • di Narvà. i

FJhvtto f mna lettera del Campo di S. Rocco iti Jota del 11. marzo . Onofrajite la fottoferizione deiPreliminari di pace, dicui noi' eramo informati da lungo tempo, lì,npfrra firuazione davanti Gibilterra era' fémpre la medefima, e il Generile In-' glvfe non cangiando puntò le fue dilpofìzioni faceva comparire la medefima. vigilanza di noi. Finalmente jeri una Fregata di fua nazione di 4©.. cannoni, dette fondo nella Baji, e lenza dubbi» effa gli recò 1' ordine di fofpendere le oftilitì, poiché i due Generafi convennero- jet fera d' avere oggi urt abboccamento fuori delle linee, vicino alla porta di terra. Il tempo elTendo (lato molto cattivo, il Duca di Crillon ha fatto proporre al Generale Elliót per mezzo d' uno de' fuoi Ajutanti di Campo tri' rimettere un tale abboccamento, a domani. Il medéfimo non. folo vi acconfentiro, ma affinchè niènteapportarvi ofhcolo, fi è ofV

rtb di venire domani a pranzare a'

Quelli fono i pi imi legni che intra». S*. Rocco dal prelodato Duca, il qua

prendono il viaggio del Baltico, e fe\ le ha accettata una tale propofizione

1 efito corrifponderà alle fpeculaziont- con eftremo piacere; quindi è che do

de noflri; mercanti, in avvenire i me-. mani iuccederì la riconciliaiione col

definir pm non fi fcrviranno di baftimen- bicchiere allamano . Il pranzo fari hu

ti d" altre Nazioni. * tó, effenda molti Iconvitati, dicendo/i:;

sp A "."..A '' . che'il Generale Ingleft abbia intenzio^

Madrid 8. Aprile. Le ultime notizie di Cadice portano» che fino dal dì 18. dello feorfo le truppe-Francefi , che hanno fatto l'affedio di Maone e di Gibilterra, 3veano terminato d' imbarcarli a bordo dei battimenti da trafporto per ritornare in Francia , dopo aver lafciati in quel Porto folamcntc *• mila malati .'

ne di condurre feco i di lui principali Ufuiali. „

FRANCIA Parigi 8. Aprile. Regnano più che mai gì* intrighi alla Corte . Eccettuato il Conte di Vergenne1; , e il Sig. Amelot, tutti i noftri Miniar! fono vacillanti. Si dice, che il Re abbia ricevuto male il nue

« 이전계속 »