페이지 이미지
PDF

"tC iW Xt • Sacrarmi in gnétfa manfe„ ra? Noi vi troviamo qui per *a/bs „ abitiamo veduti gli efercizj delia rni„ '.i?ta con piacere, enon ibhiamaaf„ fer» perfona ne con getti* n* coi» „ pi iole. In non fono ne Jnglefe, né„ A.igU manne* , ma un Patrioti» be,, ne intenzionato. onde offervate quel „ che fare . e tacciateci andare in pace.,. Quelli» piccolo difcoifo in vece di calmaie la foiia , e di diffiparla, non fece che renderla più furiofa; quindi è, che il medetimo procuiò di falvarfi con i Cuoi cr.mpagni. i G P A N-R LTS SI A. PitTuoBrnco a. Settembre.

I Principi1 Eraclio, e Salomone che regnano in G-eorgta, fi fono» dichiarati volontariamente Vaffàlli del noftro Impero-.

II Cavai Ter Harris Inviato ffraordinario di S. M. Britannica alla noltra Corte avendo ricevute le lettere di tieh'.imo, Domenica (corta ebbe la fua udienza di congelo dall' Imperatrice » e dal Granduca . Quello Miniftro fi difpone a partire quanto prima indirizzandoli alla volta di Varfavia , ove è afpettato dal fuo SuccefTore Sig. di FitzIierbert, e quindi profeguirà il viaggio» alla volta di Vienna . <

Vene**j|fcorfo il Profeffbrc Ferber celc-bre intendente- 'di Minerali è dato ricevuto alla prefenza della PrincipefTa lMcl;k w Membro ordinario dell' Accademia celle feienze ,

Scrivono d> Crdjittinopoli, che i Turchi, fotto la direzione di molti e fieri Ingegneri hanno polla nel Diftretto dei Dardanelli una quantità di batterie ondeggianti con dei cannoni d* una ftraordirKiria lunghezza .

Dahzica 9. Settembre.

In feguito di quanto fi-è accennato rntorne» «Ha contefa inferra fra quefta Repubblica , e il Re di Pruffia, le truppe di quel Monarca continovano a tener la noflra Città rinchiufa da ogni parte, e non può ricevere delle \ nvvifiont che dal piccoto DìflrettoCi nprefo (òtto la 'Ciorisdizione Municipale. Dilgraziattmtnte Un tale affare ha di già dato luogo a dei fatti per una parte c V altra , Un Ufiziale del

la Dogana Prnflìana, che area qualche

cornmiffione da adempire in Cittì verlò il fine dello feorfo mefe fa afTalico dalla plebe, e maltrattato a fegno, che non falvò la vita , fè non fe con gran difficoltà . Il fermento- di cui quefta violenza non era che un contraffrgno troppo certo s* aumentò attefo un nuovo in» cidente feguito pochi giorni dopo . Il Colonnello di Pircb Comand. le truppe Pruffiane intraprefe il dì 1. del corrente la feorta di due ballimenti della Aia Nazione, facendo loro poffare il Porto fenza pagare il Diritto di Dogana , e fenra aflbggettarli al dazio, che fi efìge fopra tali Navigli. S' imbarcò con quello dileguo con alcuni Ufi7tali\ et foldati a bordo d' un Cabn ( fpecie di legno di cut fi fa ufo fopra la Vidola f ma appena quello legno a* avvicinò al Territorio Danziche-fè , che il baflb popolo radunato fi pra le due rive del fiume l* affali con una grandine di pietri-, fcagliando mille inprec»7.ioni contro quelli che confiderava come i violatori dei diritti della propria Città■ e gli ufurpatori del fuo commercio . IL Colonnello ricevè alcune c^nrufioni nella teda, uno de* fuoi Ufiziali rimafe ferito, e ad uno de' fuoi foldati fa ftacafTato un braccio, finalmente furono tutti nel pericolo il più imminente d'! efière madacrati, di maniera che non renò al à.Prreh, e alla fua gente altro partito che quello di ritirarli ilpiù predo, e alla meglio, che poterono fspra il loro Territorio. L' effervefeen7a , che avea rifcaldati gli fpiriti non fece, che prendere una nuc va forza dante quedo incontro . <ìli abitanti foprattutto s'infuriarono al maggior fegno, e nè Ufiziale, nè fuddifo PrufTrano poterono comparirvi lenza efporlt a dei cattivi trattamenti . II predetto Colonnello dal canto fuo fece raddoppiare le guardie nei differenti podi Pruffiani , e nei Subborghi. e fu mandare un diftaccamento d' Uderi per far la pattuglia nei nedri Circondarj .

Nonodante il ricevimento , che il Sig. Pircb avea provato non ritnafe fenza foddisfazione . Due Danzichefi cheli riguardavano, come i principali motofi del tumulto del di primo, effendolì

ar

«Trifchiatl pochi giorni dopo d* andarefuori delle mura, furono- uccifi dai faldati Pruflìani l'opra il territorio medefimo della Città . Ik Refidente Prudano comunicò egli ftefso un tal fatto al Magiitrato- per meno d* una Memoria , in cui la rapprefentò come una confeguenza dell' eccefliva animolità , che il tumulto del dì primo avea cagionata fra la plebe delle due Nazioni: domandò in confeguenza , che il Magiflrato vi ponefTe riparo, e prendesse delle mi fu re per riftabilire la tranquillità. Il Magiitrato predetto vi lì> occupò immediatamente, avendo fatto pubblicare a fuono di tromba un Proclama contenente proibizioni le- più 'igorofe contro ogni folleva/ ione, e violenza . L' iftefie- precauzioni fono lt*te prefe per merzo^d* un Ordine della Reggenza PrufTìana affilio nei differenti luoghi del fuo Territorio. Tali mifure reciproche hanno prodotto un faIutare effètto, e fabato 6. del corrente il Colonnella di Pitch traversò la Città in cella aperra fenza che accadere il minimo movimento tra il popolo , il quale non lì era abbandonato il lunedì precedente al fuo furore , che nel veder venire queft* iniziale a mano armat3 per forzare il paffaggio . Con tutto ciò in villa del rumore fpirfo fenza fondamento , che il baffo popolo aveva intenzione di attaccare il Palazzo della Dogma Pruffiana al nuovo Canale , il Signoredi Pirck ha fatto rinfiorare quel porto . ed ha merli circa 60. foldati. acquartierati a Langefuhr , luogo dittante mezzi lega dì qui, ove i noflri principali abitanti hanno le loro cafe di Campigna . Intefol' avvifoche lì avvicinavano le truppe , fretrolofamente tutti fi fono ritirati in Città'.

Jeri giunfe da Berlino una (taffettà , che fi crede incaricata delle Inanizioni della Corte relativamente a queir* affare. Infitti fi fente in quelle momento, che il Refidente di quella Corte ha rioteffa oggi nna Memoria al Prefidente del Magi (Irato, per metro della quale domanda in tempo di 48 ore rifp->rra fópra la propofìzione „ d' entrare in Trattato fopra la Uberrà del

pi Gaggio con aprirlo prrtvvì<iónn!mei;te,i falvi i refpettivi diritri . ,, Nel cafoche) la Città l* accetri, la Reggenza Pruffiana promette dal canto fuo di far cv<Tare immediatamente- 1*~ oppofivione , che arreca alla, navigazione l'opra la Viftola, non avendo permeflò-a quilfivo jlia anche piccolo legno etlcro di pollarvi. Il Magiflrato- ne ha fubito dato avvifi»' al Re di Polloni», e ad altre Potante protettrici, eia rifpolti delle m<jdelime deciderà, confb'-me ad ogni apparenza, della forte di q :efta Città .

GERMANI A

Viesna 10. Settembre; Og^i verfb le ore 4. dop> mezzo giorno è qui giunto dalla Boemia in buono fiato di fallite 1* Augnilo nollio Imperatore, che fi è" portatodkiettamente a fmontare a quello ftu> Palazzo dì Refidenza.

Per mezzo d' efpreflò qui giunto da Madrid abbiamo intela la fluiti nuo* "Va, come S-. A. R. la Prinopelfa d* Afturias nel di' 5. del correnre defTe alla luce felicemente nella R. Villa di S. Idelfonfo due Principi Gemelli, con molto piacere di quella Corte, e particolarmente-di S. M. Catt.

Ultimamente è fiato p-omodò da S. M.lmp. in premio del fèJelefervizi''' predato in varj impieghi , il Marchefe Odbardo Zanetti di Mantova- alla cariei di Prelidenw di quel Supremo Gonfiglio di Giustizia, in luogo di S. E it Barone di Witter» ,'ch<?-hi ottenuto 1* onorifico- fuo 1 ipof > . Nel rempo iti elfo la prelodati M S ha conferito al prefato- degno (oggetto il titolo e rango di fuoConfigliere intimo attuale di St-to.

Confermali con qualche maggior fiindamenw la- voce, che: S. M. -Svedefe fi porterà'almeno di pnflaggio in quella Capitale , p<<ichè>fi vanno mettendo in «rdine le porcellane, ed altri mobili i»eir appartamento di Corte, altre volte addobbato per gli Augufti 'Viaggiatori Conte e Contesa del Nord .

Fece di qui DafTaggiò venerdì feorfo un- Corriere Ffancefe procedente da Semelino, ove avea- ricevuti de» Difpacci colà recatili da-un Efpreffo del Sig. di S'. Prieft Miniflroin Cnflantinnpoli drttttt alla fuaCorre. Qualche giunto a vanri

era

era arriva»-altro ■ Chfriere da Pietroburgo , i Difpacci. del quale furono mandati a Praga al Sovrano ■ lenza trafpirarfi veruna cofa di certo dei contenuto . Intanto li pretende di l'apere, che la Rudi a abbia fatto nero per mezzo dei mede-limi un nuovo piano >)i operazioni per mare , (tante Je difpolizioni prefe dal Gabinetto di Vcrlaglies .

Scrivono da Buda che; ultimamente nella Città di Peft era liuto promul gato un Regio Decreto, in virtù del quale ungono alTégnate altre ihz.oni ai foldati Veterani che lì rrovano in quel vallo Spedale degl? Invalidi. Cinque Compagnie dei nielelìnii per tanto fono già partite , alcune veri'o Tirsavia, ed altre veifo LeopoMopoli, e quanto prima faranno altrettanto quelle che vi fono rcflàte. Si vuole che nella fuddetta fabbrica degl' Invalidi farà eretta la Regia L'inveì l'uà cÙK riti' in Buda.

In fcquela di quanto per ordine di quella Eecelfa Reggenza è ftato nello fcoffo aprile pubblicato intorno ai /Cani, rabbioli, viene ola per comune illruzinne ordinato quanto fegue. „ I. rTjTv Utti i Cani, die il troveranJL no ne' luoghi fuor di mano, o pure che andranno vagando per le ftrade sì nella Città , -che nelle Terre, Cartella, e Ville fenza collarina al collo, faranno immantinente accoppati fui luogo il«- lit> . „

» li. Qualora alcuno avrà un Cane malato , dovrà fubitamente -confegnarlo morto, o da ammazzare allo Jcorticatore . ,,

„ III. In difetto di ciò farà obbligato il proprietario della caia di farne la denunzia poiché in- cafo contrario incorrerà nella pena tanta il Padrone del Cane, come- lo Hans weifler, f> Ila Guardiano della cafa ( quando quelli ne abbia avuta notizia , cche dopo di aVerne infVuttutfamente ammonito il proprietario del Cane non ne avelie .fatta la Denunzia) nelle Città. C&p'tajji di- 14.. cecchini , neHe Città di Provincia di 6. , e nelle Terre, e Cartella di 3/ zecchini, e cesi ne' Villaggi di 6i fiorini ;'e in mancanza di tal pagamento farà quel tale niello lenza al

cuna rem iffìone per*, giorni a' pubbìi-,ci lavori ne' ferri. „

„ Tutto il denaro poi di tali condanne reiteri fempre desinato per il denunziarne, qualora venga verificata la fu a denunzia . „ -i ,

■ Per ordine di quella Eccclfa Reggenza Provinciale lì fa inoltre fapcro al pubblico, qualmente da q nello Cef., Reg. Protomedico Barone de .Storck ò tiara pcr .fovrano comando comporti un* IjirMÌomt zenitale Medico pratica ì.-t/erm alle precauzioni, e modo di £étsrirjt diilie morficature de1 Cani rabbiìjs. L'i* tal Libretto li vende nella botcegi di Traitner il Seniore. T

I nuovi Regolamenti prefi in favore dei poveri acquetano maggior forza di giorno in giorno. Nel dì primo del corrente fu fatta la queftua generale nelle Parrocchie di quella Città: ciascheduno contribuì a largammo al follievo dell' umanità bifognofa . Un particolare poi, di cui ignorali il nome , ha dati in clemofina 18. mila fiorini, con pronte Ha d' altre più. conllderabili fomme per 1' avvenire.

Augusta }o Settembre. Sappiamo con l'ultime lettere giunte da Colonia, come nel dì 23. del corrente vi giunfe il Principe Vefcovo d'Olìiabruck , che andò a pofarfi alla Locanda dello Spirito Santo. Dopo avero oliervato tuttociò che vi è di più conlìderabile in quella Città partì nel giorno appretto per i (irai Stati, indirizzandoli per Dulleldciff.

II prognostico di gran rivoluzioni per il profUmo anno va fempre prendendo un maggior piede . Soggiungeli che quelle riguarderanno 1' Olanda, la Poilolita , e Danzica . .

Abbiamo avvilo da Brandcmburgo cfler'.ì pubblicato un Ordine nella Maft ca elettorale di demolire itutte 1<3 vecchie' Cafe Borghtlt • per fabbricacene delle più belle a fpefe del Re. Si comi nterà da quelle che fono nelle Città di Furjietnuatde , e 5paudau , avendo S. M. allignata la fomma di 'So. mila feudi per abbellire la prima. Irt Cellino fi vanno col;ru?ndo delle nuove Calerme per i Reggimenti- di Borii' Jle.lt, e Wddeck.

* :Da the Viir-S l'Artiglieria di Budwcis hi avuto ouìme di portarli in Ungheria, ger.erafe è il grida, che lìafi alla vigilia di b:tt<;rfi'coi Tilichi . Le truppe Edere ;j >c > ac-a'.Vuinate al cli!ria-di quei paeli faranno impiegate alr-ove . Molti Reggimenti Unghcreli, Croati, e Schiavoni feguitàho 'a rinforzare il cordone citato fulle frontiere della Turchja\ 11 • '* * v Lertere dell' Auftrta portano, che il Principe del S. R. I. -Monfig. Ridolfo dei Conti d' Edlirig Arcivefcovo di Gurizia, fiali rifoluto di rinunziare la fua Sede per effere onorevolmente giubbilato con pehfione, e con titolo d* Arcivefcovo in partihus . Quello è quel medefìmo ; claé' fi dimoftrò altre volte troppo parziale per la Curia di Ronn . e nel tempo ifteff> troppo renilente ai comandi di SV M. 1* Imperatore nel ricufare la pubblicazione delV Editto di Tolleranza.

Dicefi che la Repubblica di Venezia abbia conchiufa un' alleanza of*fenfiVa , e difenliva per lo fpaziodrao. anni con S. M. 1' Imperarrice delle Ruflìc A tal line afpettafi colà 1" Inviato Ruffo Conte di Woronzow in qualità d' Ambafciatore della fua Carte per dare 1' 'ultima mano a quefta alleanza . Si foggiunge che in vigore di ciò quella Repubblica lì obbligherà in cafo di rottura tra i Turchi, ei Ruflì, di lbmminiltrare ro. grofie Navi da guerra , e un altro numero di basimenti più piccoli per agire ne! Levante , provvedendo tali legni di tutto il bifognevole, e che la ftuflia in contraccambio afficurerl alla fuddetta Repubblica altri confiderabilr vantaggi.

Una notizia che ftmbra meritare qualche conferma fi è, che le truppe Auftriache forti di 20. fino a' ij Reggimenti nel dì dello feorfo mele marciaffero per la Buckowina nella /Moldavia , e Vallacchia , avendo prefo poffeiT> di quefti due F^elJ .

Le lettere ultimamente giunte da Petcrviradino ci fanno faperc , che gli Uì/iali di quella Piazza hanno avuto ordine d' inviare altrove le proprie mogli., e figli . Varie notizie poi che riguardano il fiftema dei couenti affa

ri relativi'alia guerra portane), che i ieg» gia-ieati marciano ino'trandofi per l' Ungheria , e li computa che gii futlé frontiere dilla Schiavonia , e del Bannito vi fiano circa 40. mila uomini, fcnzi contare le truppe Croate, e Schiavone: che il Reggimento Lobkowitz Cavalleggieri che da Leop li avea impiegati 4.giorni per portarli in Ungheria, è llato fpedito fulle frontiere della Bukowina , e della Tranfilvania .

ITALIA
Genova 4; Ottobre.

Giovedì fera arrivi) qui da Monaco di Baviera il Sig. di Trevor Fratello del Lord <lt tal nome (tato Miniftro di S. M. Britannica predo S. A. Y Elettor Palatino, paflarrdo aderto con tal carattere alla Corte di' Torino.

Scrivono da Cadice che dall' Andalusa li era merlo in marcia per A Campo di S. Rocco il Reggimento di Toledo, al di cut Colonnello era flato confegnato un plico chiufo per doverlo colà aprire, dal che fi deduce che frano per luccedere dei cangiamenti nel fudderto Campo; e clic in quel Porto era afpettata in breve un' altra ricca. Flottiglia mercantile procedente' dall' America .

FraENZTi ro. Ottobre.

'Proveniente da Pi fa giunfe in queir* Capitale martelì fera S. Eminenza il Sig. Card. D. Gregorio Salviati , unico Fratello- dell' ultimamente Defunto Sig. Don Averardo Gran Ciamberlano ec.

Negli feorfi giorni fono (Vati qui pubblicati due Editti , uno de' quali riguarda la r nnovuzione della Legge che proibifee V amma7zare i Colombi; e I* altro toglie 1* obbligo che avevano i Medici, e i Chirurghi di denunziare i Tifici . "'

Roma 4 Ottobre'.' •

L' indefefià munificenza di Sua Santità a vantaggio del Cònfervatorio Pio ha ora fatta avere all' Eminenti*. Card. Cafili Protettore la fomma di feudi 3. mila per il proféguimentojdegli Edifizj in elio luogo aggiunti per comodo delle manifatture , che vi fi efeguifeono fempre con maggior perfezione .

Nella notte di martedì feorfo g>un•' fe

Te un Corriere ^riordinarlo proveniente da Grancble in Francia con pieghi per Monfieur Dignè Direttore dell» Regia Pofta per vacanza ài Benefizi nel Delfi nato .

Chea le ore io. di giovedì mattina giunfe a.° quello Sig. Avvocato Fei Incaricato degli affari del Reale Gran duca di Tofcana un Corriere ftraewdinario da Firenze colla lieta notizia d' efìèrfi felicemente fgravata nella nette di martedì feorfo la Reale Granducluffa di un Principe , o,ual Corriere proftguì la fua coria a Napoli.

Profittando la .Santità Sua dell' amenità del tempo nella corrente Autunnale ftagione , mercoledì mattina per la prima volta .ulcì dal Palazzo Apcflolico al Quirinale xol fcrvizio di campagna, e li portò alla vifita dell' Augulliflìmo Sacramento nella Bafilic» di San Giovanni in Latetano, e pofeia a piedi andò ad offervare il Giardino , e Csfino dei Sig. Gio PietroCampana . che refta nello flradone , ove dopo elTerfi trattenuto qualche tempo proieguendo la gita, parte La piedi, e parte in carrozza fi reftituì felicemente all' Apoftolica Refidttnza..

Natoci Jo. Settembre. Con Difpaccio di Segreteria d'A.xienda è fiata pubblicata la norma Affata dalConfiglio di Finanza nella ^quale fi preferive per gli Argentieri banalità dell' argento, che debbono lavorare , e cerne ha da ifTer marcato-, e per j Gi< jellieri come debbon< effere legate le gii je dicui tengono afTortite le botteghe . Con altro Difpaccio è ftato ordinato che fi folieciti la coflruzione dei Campi Santi , e fono (late •deflinate »er detto ufo le rendite di fette Bar aie dichiarare di regia nomina . La Co/iminirà d' Arce ha ottenuto il permef,ft> di fare un pubblico Cimitero, e affègnarc per mantenimento-del me.ctefimo

ciò che veniva pagato per il Predicatore

Quarcfimale.

Per ordine fupremo-, è flato fatto folenne rimprovero al Vtieovo di Gaeta perchè voleva aggregare alle rendi» te del fuo Seminario alcune Cappellate Laicali.

£' ufeita finalmente la fentenza definitiva fui noto affare -dei Cadetti . Per'mezzo della irredefima viene ordinato che fi a fatto un acerbo ìimprG vero al Reggente della Vicaria, al quale il Re rrfparmia il meritato gafligo per non aver voluto fentire il Cadetto Ca» rufo , nè il Brigadiere dell' iflerTò Corpo che cercava parlargli full' efeguiu Carcerazione, e per non aver -farro arreflare lo ferivano Villamaina j altro (ìmile rimprovero al Capo Ruota Freda, al quale pet ora fi perdona immeritato gafligo, per aver configli a to il Reggente, e per la parzialità moftrata nel giudicare. Il fuddetto ferivano V\\r lamaina rimarrà in carcere fino a ■che rinunzierà al -benefizio del Capitolo Ecclefiaftico, e poi farà giudicate fecondo le Leggi . I Famigli lóro Capi che maltrattarono il Cadetto , e che poi conimefiero dei difordini, faranno giudicati, col roaflìmo rigore -da una Giunta. Kifpetto poi ai Cadetti a 6. farà levata l'uniforme, 23. anderanno in Calteli*S. Eremo fino a nuovo ordine, e frattanto farà invigilato fopra la loro condurne altri ,11. di vili fra Capua , e Gaeta colle ideile condizioni. , Malta 13. Settembre.. Jeri tornarono le noftre Frette in «tto giorni -da Marfilia .,Le medefime fono fiate incorporate con 1' Armata Spagnola nel bombardamento d' Algeri, ed in tal congiuntura fi fono fatte molto onore, avendo ricevuto il N. G. Macftro dalla Corte di Spagna delle obbliganti lettere di ringraziamento. Le Galere per altro fono tuttavia in corto .

[ocr errors]
« 이전계속 »