페이지 이미지
PDF
ePub

— Lei sbaglia, egregio cappellano, io non ho bestemmiato i suoi santi: ho fatto, tutt'al più, una semplice allusione!

ALMANACCHI

Sempre diversi e sempre gli stessi — come gli anni e gli uomini. Si chiamavano prima Lunari ed era meglio — sia perchè gli uomini sostengono meglio la vista del satellite nottambulo che quella del sole signore, eppoi le lune regolano le mestruazioni, che non soltanto accadono nelle donne ma nei maschi e nei popoli.

L'Almanacco è una specie di breviario quotidiano dell'uomo contemporaneo: dà i nomi di tutte le famiglie reali, le congiunzioni dei pianeti, gli eclissi di sole e di luna, indica i giorni delle fiere e dei mercati, e quando si riscuoton le pensioni o si pagan le tasse. Non mancano, naturalmente, le effemeridi storiche, le ricette per smacchiare i panni e i centenari. Mancano in compenso le vite dei Santi e i passi della Scrittura: ma l'almanacco insegna come si consuma anno per anno la vita e non come ci si prepara alla morte.

ALPENSTOCK

E il bordone dei moderni pellegrini dello sport. I santuari della loro religione turistica sono l'alte cime. Essi s'arrampicano sulle rocce, si bilanciano sui precipizii, sdrucciolano sui ghiacciai e sfidano il freddo e la tormenta per toccare la vetta più alta e per raccontare, se ritornano, d'averla toccata. Quando muoiono, precipitati in un burrone, sepolti dalla neve o intirizziti dal gelo, non rappresentano, secondo l'Omo Salvatico, che i^.martiri della loro stupidità e vanità.

E se di ciò si volesse una prova convincente basterebbe pensare che neppur uno, probabilmente, di questi animali sportivi e rampicanti, ha mai sentito che l'alta montagna, come i cieli, narra la gloria di Dio.

ALPI

— Io non capisco, diceva con un sorrisetto il prof. Mediani, tutti quei fanatici della montagna che si arrampicano sull'Alpi per la manìa di sentir freddo di luglio e col pericolo di ruzzolare in fondo a un precipizio.

— Hai torto, rispose il dott. Enteroclismi, l'alpinismo è uno sport altamente igienico e sulle cime maestose dell'Alpi si respira l'ossigeno vivificante e si eleva lo spirito.

— Sei diventato idealista anche te? rispose, aggrottando gli occhiali, il prof. Mediani. Cosa vai cianciando di ossigeno e di elevazione? L'ossigeno puro, quando ce n' è bisogno, si trova dal farmacista e lo spirito si può elevare benissimo in casa propria, accanto al camminetto, leggendo i Doveri deWUomo o Aiutati che Dio (aiuta o magari, perchè ci vuole anche un po' di poesia, la Postuma di Stecchetti o il Canzoniere delle Alpi del Prof. Bertacchi.

— Tu sei chiuso, replicò il dottore, all'emozioni più sublimi della natura. Non pensi alla soddisfazione di poter dire, mettendo il piede sulla cima del Monte Bianco, qui sono a 5000 metri sul livello del mare? Perchè non ammetti l'estasi scientifica dell'altezza ? Non ti piacerebbe vedere gli uomini come formiche e le case come scatole di fiammiferi?

— Non ti riconosco più, rispose con accento di mestizia il professore. Non posso in coscienza approvare codesta insidiosa malattia sociale ch' è la smania dell' inalzamento. In una società ben ordinata non ammetterei gli uomini che aspirano all'alto, al cielo, chissà a quali utopie. Perciò condannerei gli alpinisti insieme coi poeti, cogli asceti e simili visionari. Non capisci che l'uomo cerca nella montagna d'esser più vicino al cielo e che di lassù disprezza gli onesti abitatori del piano? Non senti la presenza di un orgoglio antisociale e un lievito di misticismo che potrebbe scalzare le basi dell'umana convivenza?

— Di' cosa vuoi, replicò il dottore, ma io credo che per la salute, un po' di montagna l'estate faccia molto bene, e tutti gli igienisti la pensano come me.

— Non voglio essere ostinato, disse in tono conciliante il professore, e la scienza merita il nostro ossequio non foss'altro per averci liberato dalle muffe della superstizione. Diciamo dunque che d'estate si possa andare un po' in alto, ma soltanto per sfuggire il caldo, e non già sulle gigantesche Alpi che nascondono tra le nubi le cime ghiacciate, ma sopra una deliziosa collinetta, sopra un poggettino ameno, magari in una di quelle graziose montagnole delle Prealpi dove si va colla funicolare e ci son tutti i comodi della città. Credi a me che la via di mezzo è sempre la migliore.

— Allora, domandò il dottore, tu permetti l'alpinismo fino a mille metri?

— Mille sono un po' troppi, rispose il professore, facciamo una cosa media: seicento, settecento ma purchè ci si possa andare in carrozza.

— E se tu dovessi andare a cavallo d'un mulo ? chiese il dottore.

— O non te ne ricordi, benedetto figliolo, esclamò il professore, che soffro di emorroidi?

ALPHONSE

Dopo la commedia di Dumas figlio è il personaggio più malfamato del mondo contemporaneo. Solite esagerazioni dei moralisti! I giornalisti non sono, per esempio i souteneur degli industriali e degli uomini politici? E i romanzieri pornografi non sono i magnaccia della prostituzione maschile e femminile? E i demagoghi non son forse gli alfonsi di quella famosa « puttana sciolta » ch' è la moltitudine?

ALTALENA

Arnese balocco molto adoprato dai bambini noiosi che si dicon filosofi — dai bambini sudici che si chiaman politici — da quelle bambine volubili che son le amanti — da quei bambini deboli che' furono i modernisti; e odiato, invece, dall'Omo Salvatico cui'piace star seduto sopra un sedile scavato nel macigno del monte.

ALTARE

Gli altari di Cristo — sui quali Cristo vivo scende ogni giorno — sono, secondo i mufti della modernità, i banchi d'una bottega. Dunque vanno disertati e demoliti: in compenso avremo l'Altare in versi del poeta di Filettole e l'Altare del Pubblico Bene, molto frequentato da senatori, deputati e altri sacerdoti dello stesso stile.

ALTERIGIA

« Io vidi a Firenze uno che strascinando, a modo di bestia da tiro, come colà è stile, un carro colmo di robe, andava con grandissima alterigia gridando e comandando alle persone di dar luogo; e mi parve figura di molti che vanno pieni d'orgoglio, insultando gli altri, per ragioni non dissimili da quella che causava l'alterigia in colui, cioè tirare un carro ».

(leopardi, Pens. XVIII). ALTEZZA

Parola riservata unicamente ai geometri e agli ingegneri dal giorno in cui l'altezza d'animo è diventata un ricordo, l'altezza dell' ingegno un' illusione e le Altezze Reali hanno dato il posto a molte bassezze ancora più reali.

La sola altezza che incuta rispetto alla plebe colta e incolta è quella della Torre Eiffel.

ALTOLOCATO

Il Commendatore, il Gran Collare, il Ministro, il Re, il Papa sono persone certamente « altolocate ».

Ma l'altolocato per eccellenza è soltanto Colui che si fece Locare sopra una Croce; e dopo di lui i veri altolocati sono unicamente coloro che invece di farsi appendere, sul petto una brillante decorazione, si appendono o si lasciano appendere a quella stessa Croce che il Vincitore del Mondo lasciò quaggiù, dopo averla insanguinata, perchè fosse il letto fiorito o il trono imperiale di tutte quell'anime che aspirano, a loro volta, a vincere il mondo.

Un giorno, a Firenze, in occasione d'una festa patriottica, vidi un frate minore (e non è il primo che ho visto) andar pettoruto, fra la gente, con una croce da cavaliere che gli spiccava, brillando, sulla male indossata santità del saio.

Egli (il traditore di San Francesco), fra le due croci, aveva scelto, da persona bene avveduta, la meno pesante! Forse verrà un giorno che quel frate mondanizzato (illuminato dalla grazia) la butterà via; ma intanto sappia (se leggerà queste pagine) che il Divino Altolocato lo guarda; e che non vorrebbe vederlo arrivare, con quella croce sul petto fino a quel punto estremo e sdrucciolevole, varcato il quale non si torna addietro.

ALTRUISMO

Nei vocabolari correnti, ma non stampati, l'altruismo è il bene che gli altri devono fare a noi. Quelli che predicano l'altruismo — che non ha nulla a che fare coll'amore cristiano — vogliono semplicemente diffondere nei loro simili la tendenza a dare perchè loro stessi, i predicatori, possano ricevere sempre di più.

AMANTE

«La valvola di sicurezza del matrimonio.

Se non esistesse, come si potrebbe vivere nella chiusa ed asfissiante caldaia della perpetua fedeltà ? »

Così ha l'abitudine di dire, scherzando, l'on. avv. Pappagorgia, alla sua virtuosa consorte, la quale, da compita dama, (all' insaputa del marito, ma non ad insaputa del pubblico) possiede l'abilità d'aprire,'anche nello stesso giorno, parecchie valvole.

AMAZZONI

Sono le antenate selvagge delle moderne femministe e dimostrarono che le femmine, essendo capaci di uccidere alla pari dei maschi, avevan gli stessi diritti degli uomini.

Si racconta che si facessero tagliare una mammella per portar meglio la corazza e lo scudo e davan segno, con questa mutilazione, che rinunziavano al più alto privilegio delle donne: quello di cibare col proprio sangue il loro futuro padrone. Le Amazzoni dei nostri tempi lasciano intatti i seni perchè servono ad attizzare la lussuria degli amanti, ma per non esser da meno delle antiche, e per potere, nello stesso tempo, saziare la libidine senza pericoli, si fanno estirpare l'ovaia dai virtuosi chirurghi ai

« 이전계속 »