페이지 이미지
PDF
ePub

LICIDA
Μ Ο Ν Ο DIA

DI GIOVANNI MILTON

TRADOTTA DALL' INGLESE.

" E tu Sorgi sull'Arno ancor, vago arboscello, E di novelli rami E di novella scorza ti rivesti, E tua sacrata fronde Spieghisi altera in su lEtrusche sponde !" AVVERTIMENTO.

In questa Monodia piange il Poeta la morte d'un erudito suo amico, che sfortunatamente naufragò nel Mare d'Irlanda nel 1637.

LICIDA

DI GIOVANNI MILTON

M ON ODIA

PER LA MORTE

DEL NAUFRAGATO

E DU A RDO KING

TRADOTTA DALL' INGLESE.

ANCORA, oh lauri, e un'altra volta ancora
Oh voi, bruni mirteti,
Di succo, al par dell' edra, mai non privi,
I vostri acerbi e vivi
Aspri corimbi or io cogliendo vengo,

E, in stagion non matura,
Con man forzata e dura
Le vostre fresche foglie al vento spargo.
Cagion mesta ed amara
(Ahi! mesta sì, ma cara)
Fa ch' io vi sturbi a non usato tempo,
Poichè Licida è morto;
Licida il giovinetto,
Non giunto ancora al fior degli anni suoi :
Nè si racquista mai simíl tra noi.
D'ogni canto signore,
D'alti carmi testore,
Per Licida cantar chi non vorria ?
Su l'acquosa sua bara,
Dai fiotti scosso e dai gelati venti,
Ei non ondeggerà senza mio pianto,

Senza premio, dovuto ai suoi martiri, Di lagrime e di armonici sospiri.

Suore del sacro fonte, Che scaturisce e sgorga Di Giove sotto al luminoso seggio, Incominciate or dunque, E, toccate da voi, S'odan suonar le più canore corde. Cessin vani rifiuti e vane scuse ; Così grato alle Muse, Con più felici note e ornato stile, Qualche cantor gentile In un pietoso oimè prorompa; e dica, Mentre passando ei guata, Pace a te prego, e all' urna destinata !

ei grata,

[ocr errors]
« 이전계속 »