페이지 이미지
PDF
[merged small][merged small][merged small][merged small][ocr errors][merged small][ocr errors]
[graphic]
[merged small][ocr errors][merged small]

Madama di Talleyrand, non era idiota, ma non aveva lo spirito del suo troppo celebre marito. Un giorno alzandosi da tavola dopo la colezione, il principe le disse: “ Oggi, a pranzo, avrete accanto un uomo di gran merito. Deh! procurate di conversare con lui ragionevolmente. Egli ha scritto i suoi viaggi; andate nella mia biblioteca; scorreteli, fate cadere il discorso su quell'argomento. Non dimenticate di chiedere l'opera del signor Denon., La principessa obbedi, pensosa però dei sarcasmi che ella doveva evitare. Al cospetto del bibliotecario, essa non potè rammentarsi del nome del suo futuro convitato, e però ricorse ad uno stratagemma: “Compiacetevi di darmi le avventure sorprendenti di quel viaggiatore... il cui nome finisce in on. ll bibliotecario, sorridendo come un uomo che indovina un enimma, porge alla principessa una magnifica edizione di Robinson Crusoe, con incisioni, fregi, ecc. Madama di Talleyrand divora, come suol dirsi, il libro, senza contare le ore; e quasi fuori di sè dal contento essa ammira l'ombrello, il cappello, le vesti di pelle di capra dell'eroe di Foè: “ Oh! che fortuna, ella esclama, trovarsi con quel personaggio straordinario! Quanto sono lieta di conoscere anticipatamente la sua meravigliosa storia! Questa volta il principe sarà contento.» Quando ella scende nel salotto di ricevimento, i convitati sono già raccolti. Il signor Denon le offre la mano per condurla nella sala da pranzo. Seduti a tavola la principessa dà un'occhiata a suo marito come per avvisarlo ch'ella è preparata, e che può star tranquillo. Infatti, appena è trascorso quel momento d'inevitabile silenzio che è diremmo quasi, l'esordire di un pasto, madama di Talleyrand si volta verso il suo vicino di destra, e gli dice: “ Penso, signore, alla gioia che avrete dovuto provare nella vostra isola quando avete trovato Venerdì !, Il signor Denon, un momento reso attonito da quello strano discorso, si rimise presto, e riuscì a farsi spiegare quell'equivoco e le sue cagioni, mentre però il principe dall'altro lato della mensa si mordeva le labbra pensando come quell'avventura presto verrebbe diffusa in Parigi, e farebbe ridere a sue spese.

II p a n e fr e s c o.

Distribuivano la colezione in uno dei collegi di Parigi, e, cosa straordinaria! il pane usciva dal forno: “Senti, disse un alunno, mettendosi in saccoccia un bel cantuccio, senti! del pan fresco, non ne danno mica tutti i giorni; sarà bene che ne serbi un pezzo per dimani.»

Una fazione di 5 anni.

Un distaccamento del corpo d'armata di Davoust, che occupava l'isola di Rugen, ricevè l'ordine di sgombrare immediatamente. L'imbarco fu talmente precipitoso, che fu dimenticata una sentinella. Questa dopo aver camminato un pezzo su e giù, e passata da gran tempo l'ora della fazione, credè opportuno tornarsene al posto di guardia e lo trovò vuoto. Udi nel tempo stesso il fatto della partenza del presidio, e allora, quasi disperato, esclamò: “ Oh Dio! ora mi noteranno come disertore; sarò disonorato!» Il suo dolore mosse a compassione un buon artigiano, il quale lo pr se con sè, lo consolò, lo mantenne, e dopo qualche mese gli dette la sua figliuola unica per moglie. Scorsero cosi cinque anni; un giorno fu segnalata una vela; tutti gli abitanti accorsero alla spiaggia per

« 이전계속 »