페이지 이미지
PDF

Gas. Ped. Gas. Ped. Gas. Ped. Gas.

Ped.
Gas.

Ped.
Gas.

Ped.
Gas.

Ped.

Gas.

Ped.
Gas.

Ped.

Gas.

Ped.

Gas.

Fu vera la notizia?

S'è dunque maritata ?
Moglie non è la perfida,
Soltanto è fidanzata...
Che l che l
D'un tal Gregorio...
Gregorio I.. – Piano. – Ed ella ?..
Fortuna non deludermi,

Si chiama Estella 2

Estella. (Affermando ),
E d'onde mai ?..

Rispondimi:
Non t'è cugina ?.

E vero.
Assente dalla patria

Non fosti ?.. -
Un lustro intero.
Non v'è, non v'è più dubbio l..
Tu sei...
Pedrillo.
Amico !..

( Frenetico di gioia lo stringe fortemente fra le sue braccia. )

Gioisci... ridi... abbracciami...
Salta...
Ma !..
Salta, dico...
Sei ricco...
Ciel !..
Colei
T" ama, ti è fida...
Chi ?

( Con espressione d'incerto giubbilo. )
Ella... e sposarla dei...

[ocr errors]

Si...
Ah villanzoni, ah! stolidi, o

Vedrete chi son io !.. ( Rimettendosi l'abito con sollecitudine, e disordine, e passeggiando su e giù, in aria di trionfo. ) Ped. Fia ver!.. non è delirio ? Mi è fido l'idol mio ?.. ( Correndogli appresso. J

Gas. Son medico ! son chimico !
Ped. Ma svela ... ma ti spiega...
( Sempre c. s. )

«Gas. Son fisico, ed astrologo !

Ped. L'amico te ne prega...

Gas. Son mago sapientissimo!
Incantator possente!

Ped. Un detto, un detto ah ! parlami...
Pietà d'un cor languente...

Gas. E che favello arabico ?

Avrai l'eredità. Ped. Estella?.. Gas. Te lo replico, Estella tua sarà. Ped. ( Subito, e nell'ebbrezza del piacere. Non può dirti il labbro mio Quanta gioia in me spargesti!.. Dal sepolcro tu mi desti!.. Tu la vita rendi a me ! Gas. Questo appunto far degg'io! a T” ho risorto : lo dicesti... Se tu stesso lo contesti, Chi negarvi omai può fà ? Entra in queste rovine... appiattati ... taci, ascolta, e mostrati quando sarà d'uopo. ( Spingendo Pedrillo verso l'edifizio rovinato, ov'egli si cela)

[ocr errors][merged small]

Col. ( Ancor dentro. ) Che maniera è la vostra f Ove sono i riguardi dovuti ad un professore della mia qualità? Gas. Colantonio ritorna ! tanto meglio! Col. ( Uscendo. ) Oh bella ! Passeggio fra quelle umide volte ad oggetto di salute: è questa un'ordinazione che mi son prescritta. Gas. Ebbene, collega? Col. ( A mezza voce. ] Siamo spacciati senza rimedio ! L'acquedotto era già munito di guardie, che presentandomi al petto le punte delle alabarde, mi hanno quì respinto. Che ne dici? ( Con estremo spavento. ) Gas. Che vuoi che io dica! Se non vogliono lasciarti andare, e tu rimani. ( Freddamente. J Col. Rimani ! m'impiccheranno! Gas. Lascia fare: io ti resusciterò. Col. Resusciterai... Or la diceva grossa! (La campama suona il mezzogiorno. ) Gas. Ci siamo ! La campana suona il mezzogiorno. Col. Essa suona i nostri funerali !

[ocr errors]

-, Tufflador, Estella, Zerlina, Gregorio, Paesani, Guardie, e detti.

Tuf Popoli miei soggetti, eccoci tutti rinniti, per essere testimoni di questo portento dell'arte medica, o per castigare chi avesse ardito schernire (la nostra ragguardevole persona; tracotanza alla quale infliggerei l'estremo supplizio, e fors'anche una più severa punizione. Gas. Mi maraviglio ! Noi siamo pronti a mantenere pienamente il nostro impegno. Saprete già che si tratta di rendere alla vita il vostro compatriotta Pedrillo, morto... ( Volgendosi ad Est. ) Est. In battaglia. Gas. Morto in battaglia. ( 7'ira innanzi la valigia. J Alcade sapientissimo, rispettabile pubblico, noi cominciamo la grande operazione : Attenti ! Gli altri, tranne Col. Attenti ! o Col. ( Io sto attento a fuggire. Gas. Stringetevi, stringetevi a noi d'intorno. Col. ( Disgraziato, per farci pigliare più presto ! ) Gas. E se fallisce l'esperimento, componete un rogo ardentissimo, sul quale sarem pronti a salire io, ed il mio scienziato compagno. Col. ( Parla almeno per te solo, impostore ! ) Gas. Silenzio, ed osservate. - ( Deserive col dito intorno a se un gran circolo, entro al quale finge imprimere segni - misteriosi. J Est. (A tanto prodigio la mente ho rivolta... o Ho l'anima tutta nel guardo raccolta... Ah ! sia la mia sorte decisa tra poco! Un gelo ed un foco = mi sento nel cor! ) Tuf Gre. Zer. Coro. ( A tanto prodigio la mente ho rivolta... Ho l'anima tutta nel guardo raccolta... Non batto palpebra, il fiato riprendo, I moti sospendo = finanche del cor. ) Col. Ah ! d'esser già parmi sul rogo salito !.. è Ah! d'esser mi sembra già mezzo arrostito!.. Ed egli nemmeno colore ha mutato l Oh ladro sfrontato ! = oh matto impostor! ) Gas. Prometeo valente, maggior d'ogni saggio, Che al sole rubasti un fervido raggio, Pel morto Pedrillo ti chiamo, t'invoco ; Quel vivido foco = gli spargi nel cor. – Collega eccellentissimo, La fiamma prodigiosa

Toccò Pedrillo? a muoversi

Comincia qualche cosa?
Col. (Che faccia! )
Gas. Ebbene?
Col. Ah ! muovesi...
Gas. Forse una man?
Col. Già, già.

( La man della giustizia: Che al rogo ci trarrà 1 ) Gas. Di Pietro Barliario La polvere incantata Su, dammi. Col. Ov'è ? Gas. La scatola... ( Col. prende nella valigia la scatola, e gle la dà, egli sparge presso il centro del circolo, diversi pizzicotti della polvere contenuta in ri ) Col. ( È pomice pestata! ) Gas. Il balsamo d'Atlante, Famoso negromante. ( Sporgendo la mano verso Col.

Col. Quel fiaschetto ?
Gas. Appunto.
Col. Eccolo. ( È vino spunto. )

( Gas. versa parte del liquore sulla cirgonferenza del cerchio. Gas. Vivi Pedrillo, piegati All'alto mio volere. ( In tuono solenne, e gettando sempre o polvere o liquore. l Sorgi Pedrillo, arrenditi Al mio vital potere. – (c. s. Vieni Pedrillo; mostrati Pedrillo ormai.

« 이전계속 »