페이지 이미지
PDF

S C EN A ULTIM A.

Pedrillo, e detti.

Aoed. - Son quà. ( Comparendo sull'alto delle rovine, avvolto nel suo nero mantello. ) Tuf Gre. È lui !..

[ocr errors]

( Gas. e Col. sono rimasti nel circolo: tutti gli altri retrocedono spaventati, tranne Est. che si precipita verso Ped., e lo eonduce sul davanti. J Insieme. Est. ( Qual delirante. Non m'inganna l'ardente desio ?.. Ti riveggo!.. tornasti ben mio!.. Tal portento in un sogno d'amore A crearsi non giunse il pensier!.. o Ah non regge... non basta il mio core o All'eccesso di tanto piacer ! Ped. Non t'inganna l'ardente desio... - Mi ravvisa... Pedrillo son io... o Alle gioie rinasco d'amore, Per te vivo, mio solo pensier... s Ah ! non regge... non basta il mio core All'eccesso di tanto piacer! Gas. Col. ) (Accennando Ped. con tutta la iattanza ciarlatanesca. ] - Ei respira, si muove, ha parlato; Egli è d'ossa e di carne formato. Non è l'opra di vano prestigio, E Pedrillo risorto davver.

[ocr errors]

E compiuto il sublime prodigio... Vi curvate d'innanzi al saper. Tuf. Zer. Gre. Coro. Ei respira, si muove, ha parlato! Egli è d'ossa e di carne formato ! Non è l'opra di vano prestigio, E Pedrillo risorto davver! Oh sublime, inudito prodigio!.. Lode, plauso, trionfo al saper. ( La loro maraviglia, il loro entusiasmo è al colmo: alcuni toccano Ped. per assicurarsi che non è un fantasma, altri baciano. le mani di Gas e Col. altri finalmente agitano i cappelli, li mandano all'aria, e prendono i personaggi mentovati sulle braccia, eome in trionfo. ) Gre. Tutto va bene: ma dico, signor morto, che cosa pretendi? Estella è mia fidanzata. Est. Non ti voglio... ho conosciuto il tuo pessimo cuore... voglio Pedrillo... Gre. Io mi oppongo... ( Alzando la voce. J Gas. Zitto, o sul momento resuscito il vostro pro-zio. Gre. No, no, piuttosto rinuncio ad Estella. – Ma f" un poco, se i morti hanno da venire dal'altro mondo a portar via le spose ai vivi! Con questa invenzione non si può esser più certi di nulla ! Tuf. Neppure della morte! Zer. Se non l'avessi visto con gli occhi propri; non lo avrei creduto! Col. ( Che trovasi al di lei fianco. ) A proposito ! Tu sei vedova di quel tale brutto vecchio, zoppo, e guercio? Zer. Sì. Col. Prima di partire lo resusciteremo. Zer. No, per carità! Resti nella sua pace, e vi farò un buon regalo.

3 Est. Pedrillo sarai mio per sempre; un dolce lici unirà fra poco. Ped. Io morirò di piacere! Gas. Non fare questo sproposito, poichè dubito che le nostre operazioni, non potrebbero resuscitarti la

seconda volta !

Ped. Ah! no che il mio contento -
Lingua mortal non dice !

iEst. Ah di sognar pavento!..
Troppo son io felice!

Ped. E vero il nostro giubbilo...
Un sogno il tuo non è.

AEst. Tanto piacer m'inebria,

Che me, non trovo in me.

Ped. Est. Nel sen di lieti amori
Sempre con me vivrai...
E dove tu sarai,
Ogni mio ben sarà.

Come ruscel tra fiori,

Qual dì che non ha sera,
Ben mio, la vita intera
Per noi trascorrerà.

Gli altri. Chi non saria commesso
Da tanta fedeltà ?

Gas. Dir con ragione io posso :
Giovai l'umanità !

[ocr errors]
« 이전계속 »